Tag: tricolore

155 anni di (Unità) d’Italia

di Federico Di Bisceglie

Due giorni fa, il 17 marzo, l’Italia unita ha compiuto 155 anni.
Il 17 marzo 1861 si concretizzava un sogno. Un’idea sviluppata nel tempo, fondata su principi morali e valori che sarebbero stati destinati a essere le basi di tutta la nostra “breve” storia nazionale, da quella fatidica data fino ad oggi. Per “storia breve” si intende rispetto agli altri Paesi, se non altro quelli europei, che hanno alle loro spalle una tradizione più lunga, più radicata e, di conseguenza, meglio integrata nel loro patrimonio culturale. L’Italia si professa unita da più di un secolo e mezzo, quest’anno ricorrono i centocinquantacinque anni, ma alcuni interrogativi persistono: si è proprio certi di essere un paese unito? Ci sentiamo davvero tutti parte di una sola Nazione? E soprattutto: l’Italia si può davvero definire unica e indivisibile? Esiste una sola Italia?
Presumibilmente il “padre” dell’Italia unita, il teorico dei più elevati principi repubblicani e unitari sui quali il nostro Stato dovrebbe tutt’ora ergersi, Giuseppe Mazzini, non sarebbe fiero di ciò che sta accadendo al giorno d’oggi nel paese che lui ha faticosamente cercato di unire e per il quale ha dato tutto se stesso. E’ vero anche che quando Mazzini scriveva il contesto storico, politico, economico, sociale mondiale era totalmente differente rispetto quello che si è profilato in questi anni, sebbene anche allora ci fossero forti tensioni e le problematiche non fossero di poco conto. Ciò che però è cambiato radicalmente è il popolo. A seguito dei moti di insurrezione popolare che si erano susseguiti nel corso della prima metà del XIX secolo, in Italia si era progressivamente diffuso uno spirito nuovo e si era delineata una visione nuova dello stato. Si respirava la Libertà, iniziava a tirare un vento laico destinato a scaturire in un cambiamento profondo e radicale, che accese nelle menti degli italiani un nazionalismo puro, un amore sincero per il proprio Paese, sotto l’unificatore segno della bandiera tricolore. Tutti questi principi sembrano adesso molto lontani e completamente distanti dalla nostra realtà e in un certo senso sembra non facciano più parte del nostro patrimonio culturale. Contrariamente, si dovrebbe più spesso prestare un’attenzione maggiore ai valori che i padri della nostra Nazione ci hanno faticosamente trasmesso e che altrettanto ardentemente hanno conquistato, per porre fine una volta per tutte a una serie infinita di stereotipi assolutamente infondati che tutt’oggi caratterizzano il popolo italiano, per sentirci finalmente e indiscriminatamente Italiani. E’ proprio perche la classe politica non rappresenta questi valori e questi ideali che gli italiani devono ritrovare in loro stessi un’identità comune, un valore assoluto che vada al di là di appartenenza politica, ideologica e culturale: la propria Nazione.

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi