Tag: tubab

“Il deserto negli occhi”: la vita di Ibrahim Kane Annour e della sua Africa

“Il deserto negli occhi”, il libro di Elisa Cozzarini e Ibrahim Kane Annour. La vera storia di Annour tuareg del deserto: dall’infanzia tra scuola e nomadismo al lavoro come guida turistica fino alla fuga dal Niger , per motivi politici, e all’accoglienza in Friuli Venezia Giulia, a Pordenone.

di Alberto Melandri

“La mia gente, nomade per natura, discende da popolazioni berbere del Nord Africa. Oggi vive sparsa in Niger, Mali, Algeria, Libia, Burkina Faso, Ciad, racchiusa tra confini tracciati in epoca coloniale, e pian piano sta diventando stanziale, perché sopravvivere nel deserto è sempre più difficile.” Con queste parole Ibrahim K. Annour traccia un brevissimo profilo del suo popolo, i Tuareg all’inizio del suo libro, scritto con passione e lucidità e accompagnato in questo percorso di scrittura dalla competenza e dalla sensibilità di Elisa Cozzarini.

Ibrahim, nato in Niger e residente attualmente a Pordenone, dove vive la più numerosa comunità Tuareg d’Italia, racconta la storia della sua vita, dividendola in tre sezioni: ‘Infanzia nel deserto’, ‘Con gli occhi degli altri’ e ‘Lontano da casa’. Il deserto è il protagonista con la sua presenza nella prima parte del testo, dall’oasi verde di Azzel, dove Ibrahim ha trascorso la sua prima infanzia, ascoltando le storie di nonna Fatimata, ad Arlit, la città nuova nata intorno ad una centrale di uranio a cielo aperto, dove ha lavorato suo padre, con il suo quartiere dove vivevano, in un mondo a parte, i tubab, i bianchi, ad Agadez, la città che, quando Ibrahim ci fu mandato per studiare alle scuole superiori, non era ancora quel “crocevia delle migrazioni disperate per l’Europa” che è diventata attualmente.

Il deserto, associato ad una idea profonda di libertà, è centrale anche nella seconda sezione. Il suo titolo “Con gli occhi degli altri” ha un doppio significato: il primo è relativo ad un punto di vista diverso che Ibrahim scopre quando comincia ad accompagnare i primi europei come guida nelle sue terre: “I tubab scoprivano il deserto e io, assieme a loro, vedevo ogni cosa con altri occhi, mi rendevo conto che vivevamo in povertà, abbandonati a noi stessi”; il secondo punto di vista nuovo sul mondo inizia quando Ibrahim arriva per la prima volta in Italia e la descrive con un tipico effetto di ‘straniamento’ : “ Suonavi un bottone e qualcuno apriva la porta. Entravi in una scatola d’acciaio e salivi al quinto piano., senza muoverti “. Sono gli anni della rivolta tuaregh nel Niger, durante la quale il padre di Ibrahim ha conosciuto il carcere e la tortura, mentre le sofferenze del loro popolo erano ignorate dalla stampa italiana.

Nella terza parte ‘Lontano da casa’ Ibrahim racconta della sua partenza per l’Italia, nel 2007, per sfuggire alla repressione che lo stava ormai braccando. Lui fugge, lasciando la sua famiglia, sua moglie e i suoi quattro figli nel Niger, ma con la speranza di portare anche loro a ricongiungersi con lui. Arriva a Pordenone, fa un corso da saldocarpentiere, trova lavori precari, ma finalmente nel 2008 gli viene riconosciuta la condizione di rifugiato e quindi da allora fa di tutto per fare arrivare la moglie Maria ed i quattro figli in Italia, il che avviene nel 2010. Da allora la sua vita, anzi sarebbe meglio dire la loro vita, è cambiata, pur fra le difficoltà quotidiane, aggravate dalla crisi economica che ha colpito anche il Nordest italiano. Ibrahim continua a sognare il Sahara e per quanto riguarda i suoi figli dice : “Voglio solo che non dimentichino la loro lingua e la terra dove sono nati. Per il resto, potranno sposare chi vorranno e scegliere la loro strada. Liberi”

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi