14 Febbraio 2022

TEATRO ABBADO
Zorro-Castellitto porta al Comunale una lezione di vita vagabonda

Giorgia Mazzotti

Tempo di lettura: 6 minuti

Ho avuto una lunga infatuazione per la scrittura di Margaret Mazzantini. Nel 2002 venne ospite a Mantova del Festivaletteratura e, ascoltandola dal vivo, la mia folgorazione si acuì. Le parole che usava, i gesti, i commenti avevano la stessa densità della sua scrittura e quella capacità di andare a colpire al centro la materia più viva delle emozioni, mescolando nel linguaggio termini forbiti e parole terra a terra, descrizione di situazioni reali e pensieri intimi e struggenti.

Sergio Castellitto nei panni di “Zorro” al Teatro Comunale di Ferrara (foto Marco Caselli Nirmal)

Con lo spettacolo “Zorro” l’altra sera al Teatro Comunale di Ferrara si è ripetuto l’incanto di cui lei è capace: riuscire a tirare fuori aspetti delle persone e dell’esistenza che spesso se ne stanno ai margini, con quella vividezza che ce li fa sentire all’improvviso vicini – oltre che veri, così importanti e interessanti come non avremmo mai creduto. Tratto dal romanzo della Mazzantini che ha questo stesso titolo, il testo è stato riadattato e interpretato da Sergio Castellitto.

Un’interpretazione di gran classe, da attore scafato, che con pochi gesti e parole dirette riesce a far suo e a trasmettere in poco più di un’ora un personaggio che potrebbe essere irraccontabile e che invece si svela e ti prende, riuscendo a farti entrare dentro un’altra testa e un altro sguardo. Come se ti regalasse nuovi occhi con cui guardare il mondo, la vita, gli obiettivi e gli scopi fondamentali che governano il nostro impegno e il senso dell’esistenza che, bene o male, ciascuno di noi insegue.

Una scena di “Zorro” al Teatro Claudio Abbado di Ferrara (foto Marco Caselli Nirmal)

“Zorro, un eremita sul marciapiede” mette in scena la vicenda di un barbone. Vagabondaggio come scelta estrema. È questo il tema che lo spettacolo va a indagare, facendo alternare nel racconto del protagonista episodi della sua quotidianità – tra una panchina, la toilette della stazione e gli appuntamenti alla mensa delle suore – e quello che c’è stato prima: l’infanzia tra la madre e la sorella maggiore, l’adolescenza con la voglia di amicizia e i suoi rimpalli, l’età adulta con un matrimonio d’amore e un lavoro tranquillo. Tra questi due piani di racconto, divisi tra presente e passato, si inseriscono via via le motivazioni che hanno mandato all’aria una vita normale per trasformarla in quella di una persona che esce dagli standard sociali e fa un passo indietro verso l’emarginazione.

“In realtà – dice Zorro-Castellitto – sono gli altri che hanno fatto un passo indietro, sono loro che a un certo punto si sono allontanati”. Dal momento in cui lui non riesce più ad adeguarsi al tran tran del lavoro e delle relazioni, qualcosa si incrina. Lui dice che “il piano si è inclinato e le persone sono scivolate via”. Lo spettacolo torna a più riprese su un episodio scatenante, un incidente d’auto, che potrebbe essere stato la molla che ha fatto scattare questo allontanamento, che forse ha messo in discussione certezze e tranquillità, finendo per condurre il protagonista sempre più alla deriva.

Brani di cantautori fanno da sfondo emotivo alle varie fasi del racconto (foto Marco Caselli Nirmal)

La cosa interessante dello spettacolo e del testo è quella di mostrare come – da quella deriva al largo dei ruoli sociali – Zorro guarda il mondo con uno slancio umano e una saggezza che fanno riflettere. Il protagonista racconta che ogni tanto si diverte a osservare gli uomini che passano e si mette sulla loro strada, discreto e distante, per immedesimarsi per qualche scampolo di tempo nelle loro vite. In particolare è attratto da un genere di persone che chiama “cormorani”, uomini con l’aria di successo, con i mocassini super ammortizzati, giacca iper-tecnologica, montature d’occhiali stellari, che si crogiolano nel possesso di oggetti che li fanno sentire arrivati. “Cormorani” dalle teste anche giovani ma stempiate, che magari “mangiano solo insalatina e non si riescono a spiegare perché io, facendo questa vita qua, ho ‘sta zazzera folta”. Tanti capelli in testa, tanto tempo libero, pensieri a ruota libera e aria aperta da respirare senza nulla di non essenziale da desiderare. Questo il traguardo di un uomo, che non rimpiange nulla di materiale, ma che ha conservato insieme con la dignità, anche l’amore e il desiderio per una moglie che non ha saputo accettare il suo allontanamento da una vita rispettabile e indaffarata.

Sergio Castellitto nei panni di “Zorro” al Teatro Comunale di Ferrara (foto Marco Caselli Nirmal)

Bravo Castellitto, molto riuscito l’accompagnamento musicale con brani di cantautori che conferiscono uno sfondo emotivo alle varie fasi del racconto e brava la Mazzantini che ha messo i riflettori su questo angolo nascosto di vita. Uno spettacolo che fila via come una canzone e lascia addosso una lezione di spiritualità e di umanità di strada, che – una volta fuori dalla sala ovattata del teatro – fa guardare con occhi nuovi quello che c’è fuori, intorno e dentro ognuno di noi. “Perché – come scrive l’autrice nelle note dello spettacolo – in ogni vita ce n’è almeno un’altra”.

Sergio Castellitto racconta “Zorro, un eremita sul marciapiede”, Teatro Comunale di Ferrara dall’11 al 13 febbraio 2022 è stato l’unica tappa in Emilia Romagna. In marzo lo spettacolo proseguirà il tour a Biella (14), Savona (15/17) e Rovereto (29/30). Lo spettacolo è realizzato da Prima International Company con il sostegno di Intesa Sanpaolo.

Per info sulla stagione di prosa del teatro comunale Claudio Abbado di Ferrara: tel 0532.202675 e biglietteria@teatrocomunaleferrara.it, sito web www.teatrocomunaleferrara.it.

Cover e immagini nel testo: Reportage fotografico di Marco Caselli Nirmal 



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Giorgia Mazzotti

Da sempre attenta al rapporto tra parola e immagine è giornalista professionista. Laurea in Lettere e filosofia e diploma dell’Accademia di belle arti, collabora con la rivista del “Gambero Rosso”, il periodico “Econerre” sull’economia dell’Emilia-Romagna e “CasAntica”. Per la Provincia di Bologna ha curato il sito “Turismo in pianura” e le segnalazioni su “Emiliaromagnaturismo” dedicate ad arte e cultura, gastronomia ed eventi del territorio.
Giorgia Mazzotti

Ti potrebbe interessare:

  • Diario di un agosto popolare
    8. STELLE CADENTI

  • Il ritorno dell’inflazione e dei tassi d’interesse.
    Il sistema si autoassolve a spese dei cittadini

  • Walden – Andare per boschi

  • Vecchi, ricchi, “condizionati” … e una gran paura della morte:
    cronaca di un dialogo impossibile

  • La tirannia del tempo
    …un racconto

  • SENZA UN’IDEOLOGIA IL PD HA PERSO LA SUA IDENTITÀ.
    Corre verso il Centro e non convince gli italiani.

  • LO STESSO GIORNO
    Quando i poveri eravamo noi: non dimenticare Marcinelle

  • Diario di un agosto popolare
    7. LA BOLLA SVEDESE

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • VERTENZA EX GKN:
    tavolo istituzionale a un’impasse

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi