Home > COMUNICATI STAMPA > Teatro nucleo: spettacoli, formazione e progetti

Teatro nucleo: spettacoli, formazione e progetti

Da: Teatro nucleo

Ferrara eccellenza della ricerca e della pratica teatrale con il Nucleo

(Quasi) tutte le novità da agosto a ottobre
tra spettacoli, formazione e senso della comunità

Produzioni teatrali e tournée, formazione, teatro per il carcere e per la comunità, partecipazione.
Teatro Nucleo, Compagnia dalla storia quarantennale, continua a rendere Ferrara un polo di eccellenza per la ricerca e la pratica teatrale e performativa a livello nazionale e internazionale. Senza dimenticare le radici territoriali con azioni e progetti per la comunità che nascono nella casa del Nucleo – il Teatro Julio Cortàzar a Pontelagoscuro – e da qui si aprono alle piazze, alle scuole, ai centri di aggregazione, al carcere.

A partire dai laboratori condotti da Horacio Czertok e Marco Luciano con i detenuti della Casa Circondariale G. Satta di Ferrara, all’interno del Coordinamento Regionale Teatro Carcere dell’Emilia Romagna, di cui Teatro Nucleo è fondatore. Da questi percorsi nascono spettacoli che aprono una porta tra la collettività ed il carcere, come Album di Famiglia, che il 4 ottobre alle ore 19 sarà parte della programmazione ufficiale del Festival di Internazionale a Ferrara, dopo esser stato presentato e dibattuto nei mesi precedenti con gli studenti superiori e universitari (i posti sono limitati ed è necessario prenotare entro il 4 settembre alla mail teatroccferrara@gmail.com).

La formazione è parte fondante del lavoro di Teatro Nucleo e si congiunge all’ospitalità di artisti di livello internazionale all’interno di Cose Nuove, il programma triennale di Residenze Artistiche sostenuto dal Ministero per le Attività Culturali e dalla Regione Emilia Romagna.
Il prossimo appuntamento sarà con Giorgio Rossi della Compagnia Sosta Palmizi, una tra le primissime formazioni di danza contemporanea in Italia e oggi punto di riferimento per le nuove generazioni di danzatori, che dal 14 al 20 settembre condurrà il laboratorio L’ironia del gesto, a cui sono aperte le iscrizioni.

Iscrizioni aperte anche per il laboratorio Animati, condotto da Emanuela dall’Aglio dal 10 al 13 ottobre. La scenografa e costumista vincitrice del prestigioso Premio della Critica per lo spettacolo Hamlice, metterà a disposizione le sue competenze in un workshop dedicato alla costruzione del pupazzo portato, entrando nell’intero processo di creazione, dagli aspetti fisici alla costruzione del personaggio.

Ottobre sarà anche il mese dell’incontro con Cora Herrendorf, fondatrice di Teatro Nucleo insieme a Horacio Czertok, per presentare in anteprima temi e approcci de L’Attore Sciamano, percorso formativo istituito da Teatro Nucleo e destinato a operatori teatrali e sociali, insegnanti e chiunque crede nel teatro come strumento pedagogico.
L’Attore Sciamano nasce dall’esperienza del CETT (Centro per il Teatro nelle Terapie), fondato nel 1992 da Cora Herrendorf, e si sviluppa in moduli intensivi mensili a partire da gennaio 2020, poco dopo il rientro della regista e pedagoga da un tour in Argentina dove, su invito della Facoltà di Scienze Umane dell’Università di Catamarca, terrà lezioni di drammaturgia, composizione e improvvisazione teatrale per gli spazi aperti.

Il teatro per gli spazi aperti rappresenta, infatti, una modalità poetica fondante di Teatro Nucleo, per il quale la necessità e il senso del teatro si trovano tra le persone comuni, tra gli spettatori non professionisti.

Per gli spazi aperti è l’incursione teatrale Eretica, con la regia di Marco Luciano, che chiede allo spettatore di partecipare e di scegliere quale sogno vivere, quale paura affrontare. Dopo il debutto a Grosseto per il Festival del Dono e del Baratto, Eretica prosegue il suo viaggio in Italia al Lunarte Festival (24 agosto) di Caserta e al Ca’pacciam Street Festival di Paestum (31 agosto).

A quarant’anni da Luci, il primo spettacolo di teatro per gli spazi aperti del Nucleo con la regia di Cora Herrendorf e Horacio Czertok, un altro spettacolo – questa volta diretto da Natasha Czertok – attraversa l’Europa.
La tournée dello spettacolo per spazi aperti Domino – iniziata a giugno nella Capitale Europea della Cultura Plovdiv 2019 e proseguita in Germania – a settembre arriverà in Italia a Faenza per il Festival europeo Mauerspringer, a Sassari al Festival Girovagando e a Ferrara, all’interno di Totem Scene Urbane, nuovo format ideato e prodotto da Teatro Nucleo. Una nuova visione che mette l’arte al servizio della città, di cui vi racconteremo presto.
Per info sulla Compagnia: http://www.teatronucleo.org

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi