COMUNICATI STAMPA
Home > OPINIONI > Tempo di sagre, tempo
di allargare lo sguardo
e andare oltre i localismi

Tempo di sagre, tempo
di allargare lo sguardo
e andare oltre i localismi

Shares

Se facciamo una rapida carrellata delle decine di piccoli paesi del ferrarese, da Renazzo a Mesola, da Bova di Marrara a Tresigallo, incontriamo fitti calendari delle ormai note sagre paesane, da quelle del patrono a quelle di alcuni piatti tipici della nostra tradizione emiliano-romagnola.
Che il tutto aiuti a promuovere un posto, a valorizzare usi e costumi di un non lontano passato è fuori dubbio: eventi di interesse abbastanza diffuso, creano movimento e attivano relazioni, muovono qualche migliaia di euro e la tradizione viene tramandata alle nuove generazioni.
A dire il vero, la manifestazione “in sagra” sosta solo in loco, nei dintorni, dentro un piccolissimo perimetro, al massimo tra piccole comunità contigue, e li si ferma.
Spesso l’organizzazione incontra pluralità di soggetti, dalle parrocchie al Comune, dalla polisportiva alle Pro loco; un merito che non sottovalutiamo, anzi un compiacimento, ma andare oltre può essere lo sviluppo di questa brevissima narrativa tra sagre, sacrati, enogastronomia, iniziative e tombole, alcune giostre, un po’ di musica country e, forse, l’evento. Ed è proprio sull’evento che vorremo soffermarci un po’.
Non si tratta di richiamare le poche realtà che hanno trasformato la manifestazione paesana in un Evento, e questo basterebbe a fare le congratulazioni, ma di mettere in rete l’intera filiera dando qualità, specificità e rilevanza, oltre i confini, per attrarre e farsi attrarre dall’offerta di promuovere i territori.
Ci sono delle progettualità che l’Unione europea accompagna favorevolmente per fare cultura e turismo dei localismi, non quelli che si chiudono a volte solo per mangiare sotto un tendone polveroso vicino ad una chiesa del XIV secolo, ma per le eccellenze che l’Unesco mette in fila come patrimonio dell’umanità, e non solo.
Metà dei beni artistici e culturali nel mondo sono in Italia, spesso dimenticati e coperti da terriccio, abbiamo chiese e pievi, ville e palazzi, parchi e giardini, affreschi e dipinti sparsi ovunque, finiti nel dimenticatoio e che lasciano nel pianto milioni di mancati visitatori. E poi si dice che la cultura non fa economia e sviluppo.
Se si pensa che sui lidi di Comacchio abbiamo presenze di non pochi milioni di turisti, villeggianti e di un veloce passaggio di persone sulla strada Romea che collega Ravenna a Venezia, forse ripensare a come toglierli per alcune ore dal caldo e smuoverli dall’ombrellone, non sarebbe una cattiva idea.
Bisogna fare rete, coordinare date e calendari, fare marketing territoriale, dare qualità ai siti di interesse, coordinare i rapporti con le agenzie di viaggi e non lasciare al singolo sindaco e alla municipalità l’illusione di essere l’ombelico del mondo.
Il locale con il globale non sono solo un binomio, l’incoming non una descrizione analitica e basta, il borgo e le storie non una vetrina da spolverare, e ci fermiamo qui per non additare troppo e incontrare i mugugni di cui siamo spesso attori altezzosi, dando l’impressione di isolarci dai contesti ambientali.
Se guardiamo al Castello della Mesola con la sagra dell’asparago, alla Comacchio dei Tre ponti con la sagra dell’anguilla, a Tresigallo del ‘900 con la festa del Borgo autentico, e altre manifestazioni dell’alto ferrarese, che non siano un lungo capannone con le solite panchine, forse capiremmo e ci metteremo nella condizione che serve per cambiare verso anche su questi aspetti, nei nostri sperduti territori di estense memoria.
Il nostro ministro, che è di casa, cominci a dare la scossa, rimuova le solite incrostazioni, tolga competenze a chi non le esercita con intelligenza, faccia veramente la parte giusta che gli spetta e corra anche lui come il suo capo.
Forse stiamo insistendo troppo, ma questa testata vuole essere anche di stimolo, provocando, perché non ci piace essere tra gli ultimi, anche se alcune responsabilità si intravedono.
Facciamo sistema anche qui, e speriamo bene.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
giornate-fai-musei-arte
DIARIO IN PUBBLICO
La noia dei campus e le nostre scassate ma vive università
BORDO PAGINA
Maurizio Ganzaroli, tra Parigi, Venezia e il Palazzo dei Diamanti di Ferrara
Umani meccanismi
Ferrara città della lettura
Tre giorni ‘Ad alta voce’ per aprire le orecchie e le menti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi