15 Agosto 2022

TERRA & ACQUA DA SCOPRIRE.
La  Ciclabile Burana

Valerio Pazzi

Tempo di lettura: 8 minuti

 

Si è scritto tanto su questo sentiero che fiancheggia per 13 chilometri il canale Burana, da Ferrara a Bondeno. Ma questa è la mia storia personale. Mi è sempre piaciuto fare escursioni e passeggiare su due ruote e da qualche anno ho potuto apprezzare a pieno questa oasi per ciclisti, podisti o amanti della natura. La Ciclabile Burana.
Possiamo pensare che questo percorso ciclo pedonale, risalga al periodo in cui venne scavato l’omonimo canale, agli inizi del 900, forse inizialmente era solo uno stradone che fiancheggiava il collettore. Il Canale fu costruito per bonificare queste terre denominate “terre basse”.

Fu scavato con il sudore della fronte, con badili e con l’ausilio delle carriole veniva esportato il materiale dal gretto, dagli “scariolanti” come si usava in quel periodo.
E’ un condotto di acque meteoriche e di reflusso e bagna le province di Mantova Modena e Ferrara, e viene tutt’ora utilizzato per l’irrigazione dei campi circostanti.

Canale Burana

Io lo percorsi anche con il mio Kajak da Bondeno fino alla località Traghetto, per poi trasbordare nel fiume Reno ed arrivare all’oasi di Vallesanta, ad Argenta, nel Parco Nazionale del Delta del Po, ma questa è un altra storia.

pista ciclabile BuranaOggi parliamo di bicicletta e del tratto piu’ ombreggiato, che inizia sotto il ponte dell’autostrada A 13  Bologna Padova,  per arrivare a Bondeno (FE) e collegarsi ad altri itinerari tra cui la ciclabile “Argine destra Po”.
Sul nostro percorso ciclo pedonale, troviamo 13 ponti che attraversano il collettore, alcuni chiusi per ragioni di sicurezza e altri che si perdono nella campagna o che portano a casolari, a volte abbandonati e dimenticati. Casolari che, mi evocano storie passate di vita contadina, dove attorno all’aia, alla sera, si ballava e si cantava al chiarore e al crepitio del fuoco, unico divertimento, di quei tempi andati dopo la giornata di duro lavoro.

Passiamo il primo ponte e lasciamo alle spalle l’autostrada A13. Subito mi sento immerso in questo paradiso verde, di siepi, di arbusti e fitta vegetazione che ci accompagnerà per quasi tutto il tragitto che manca al paese di Bondeno. Nel percorso possiamo rallegrarci del canto di varie specie di uccelli tra cui merli, ghiandaie, tortore, picchi capinere, cinciallegre, sierpazzole, regoli, gazze, fringuelli, folaghe e tanti altri.

 

Mentre pedalo con la mia bicicletta nel silenzio della natura, che ci avvolge con un abbraccio sereno di pace, mi piace ascoltare il canto di questi pennuti, fischiettando tento di imitarne il verso e a volte sembra quasi che mi rispondano con un cordiale saluto.

Durante il tragitto, non è raro imbattersi in una colonia di pavoni, io ne ho contati circa 9 ma non sempre sono tutti visibili, li possiamo incontrare a circa 3 km dalla partenza, nei pressi di una residenza abbandonata (foto 9) se siamo fortunati, possiamo gioire di una stupenda ruota di penne, meraviglia di questi uccelli che sfoggiano con orgoglio nel periodo dell’accoppiamento.

Pavoni sulla pista ciclabile Burana (foto Valerio Pazzi)

Nelle campagne circostanti, le culture di frutta, grano, frumento, girasoli.
girasoli

La ciclabile denominata anche “Corridoio Ecologico del Burana” è completamente ombreggiata tranne l’ultimo tratto di circa 2 km e 800 metri, le siepi di frangola, nocciolo, sanguinello, pallon di maggio…, che contornano la ciclabile servono da frangivento oltre che da habitat, protezione e riserva di cibo naturale per uccelli, insetti e mammiferi.
Gli alberi ad alto fusto, tra cui possiamo riconoscere il tiglio, il ciliegio selvatico, l’ acero campestre…, creano ombra e condizioni ambientali ideali per la nidificazione per circa 36 specie di uccelli censiti in queste aree.

A circa 4 km dalla partenza, nei pressi del paese di Vigarano Pieve, troviamo un oasi ecologica gestita dal Canoa Club Ferrara, dove si svolgono gare di canoa olimpica, kajak, oltre a campi estivi e ad altre attività a stretto contatto con la natura. Adiacente al CCF, vediamo un molo su canale Burana da dove partono diverse escursioni in battello.

Molo fluviale, attracco sul canale Burana (foto di Valerio Pazzi)

Proseguendo circa 2 km troviamo l’ottavo ponte sul Burana che ci porta alla località Diamantina.

E’ un antico e nobile podere il cui nome deriva da uno degli emblemi della casa d’Este, il Diamante. Si hanno notizie di questo borgo, leggo, dal 1590. Il palazzo con stalle, grandi granai, aia, e torre colombaia è ora visitabile e contiene una ricca collezione di macchine e materiali legati all’arte contadina dei tempi che furono. Tuttora al suo interno sulla grande aia, si svolgono feste paesane, mostre e concorsi canini e felini.

Questa bellissima campagna ha fatto da sfondo recentemente alla registrazione di un cortometraggio del regista Edoardo Pappi, “Gabriella” , dove ho avuto il piacere partecipare in qualità di fotografo di scena.

Foto di Valerio Pazzi: dalle riprese del cortometraggio “Gabriella”, regia di Edoardo Pappi

Ma la ciclabile è anche un luogo dove puoi incrociare ciclisti provenienti da ogni dove e ciascuno con la sua storia, c’è chi tutti i santi giorni la percorre, per solo per passeggiare nella natura e mantenersi in forma, chi arriva da molto lontano e chi si allena in vista di gare importanti

Quest’anno ho incrociato due gentili signori francesi che visitavano il nostro paese in bicicletta.  un altro escursionista, con bicicletta e carrello,  proveniente da Treviglio (BS) e diretto ai nostri lidi per qualche giorno di mare. e proprio ieri un ciclista polacco arrivato sulla ciclabile Burana dopo averf attraversato Germania ed Austria: Dopo aver visitgato Ferrara – mi raccontava – avrebbe proseguito il suo viaggio in Albania, Macedonia, Kosovo, Montenegro, Croazia, Repubblica Ceca …

Prima di Bondeno dopo un paio di tornanti leggeri tra una fitta e fresca vegetazione arriviamo all’ex ponte della ferrovia, ora destinato all’attraversamento ciclo pedonale del Cavo Napoleonico, il canale che collega il fiume Reno al Po e utilizzato durante il periodo estivo per l’irrigazione dei campi, due colombi sulla sommità del ponte mi salutano al mio arrivo. E finalmente dopo aver percorso questo tratto di oasi sprofondato nel verde nella natura, arrivo a Bondeno di Ferrara, al bivio con le altre ciclabili e pronto con la mia bicicletta per una nuova avventura.

Vecchio ponte ferroviario, ora ponte pedonale sul Cavo Napoleonico (foto Valerio Pazzi ) 

Cover: la foto di copertina, come tutti gli scatti che illustrano il testo, sono di Valerio Pazzi, collaboratore e fotografo ufficiale di periscopio.                                                   


Commenti (16)

  • La ciclabile del Burana fu realizzata dalla Provincia nei primi anni Duemila. Fu messo a dimora il bosco lineare e furono acquistati i pioppi dall’Ente Cellulosa affinché continuassero ad ombreggiarla in attesa che essenze del bosco crescessero. Bei tempi!

  • Esposizione veramente bella e interessante. La ciclabile “Burana” merita veramente essere pubblicizzata perchè è un patrimonio paesaggistico locale di grandissima importanza e spessore e V.Pazzi con le foto e l’articolo ha saputo valorizzarla a dovere. Esorto gli enti interessati a mantenerla sempre in piena efficenza perchè questo da spendere è un biglietto da visita del nostro territorio veramente splendido. 🚶‍♀️🚴‍♂️🤩

  • Bellissimo “racconto”, sembra un romanzo….nel leggerlo per chi ama la natura sembra davvero di sentire il profumo della terra del sole che filtra fra i rami..e i versi degli uccelli……. grazie…

  • davvero molto bravo sia nell’esporre il meraviglioso tragitto nel verde e le belle foto che hai pubblicato…..davvero complimenti il percorso è romanticamente stupendo.

  • Grazie Valerio, ho letto con piacere la descrizione di questo percorso, anch’io amo la campagna e la natura. Sarebbe bello che tu organizzassi un’escursione, io verrei!!! Grazie ancora. Ciao

    • Grazie a te Patrizia, forse è molto più bello davvero, percorrere questa ciclabile di persona, sentire i profumi della campagna e incontrare gente sempre molto cordiale, ed è anche bello vedere come cambia di stagione in stagione, a me piace molto anche in autunno! Mi fa piacere averti trasmesso qualcosa di bello su questo percorso ciclo pedonale. Per l’escursione non sono molto organizzato, ma s’è per le prime volte, la vorrai fare in compagnia, sono disponibile. Un caro Saluto e grazie per aver letto questo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Valerio Pazzi

Valerio Pazzi

Ti potrebbe interessare:

  • Le Elezioni, l’Elettore e il Partito che non c’è

  • Ferrara, Ciak si (ri)gira: 100 preludi

  • PRESTO DI MATTINA /
    Desiderio desideravi

  • BOMBE NUCLEARI STRATEGICHE E TATTICHE
    Un tema di drammatica attualità

  • VITE DI CARTA
    Dopo il Festivaletteratura di Mantova (seconda parte).

  • ALLE CINQUE DELLA SERA
    Lamento per Giuliano De Seta

  • Il surfista

  • LA GIUSTIZIA È PER L’ALTRO
    Enzo Bianchi al Festival della Filosofia

  • CONTRO IL PROGETTO FE.RIS.
    Idee a confronto: sabato 24 settembre ore 9,30

  • Parole a capo
    Daìta Martinez: Testi tratti da “Nutrica”

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi