Home > IL QUOTIDIANO > TERZO TEMPO
Star power e disintermediazione
cristiano ronaldo coca cola
Tempo di lettura: 2 minuti

Al momento, la notizia extra-campo di Euro 2020 è senza dubbio il gesto di Cristiano Ronaldo in conferenza stampa: l’attuale giocatore della Juventus ha infatti spostato dall’inquadratura due bottiglie di Coca Cola, ossia uno dei principali sponsor della competizione, e ha invitato il pubblico a bere più acqua. Quel gesto ha contribuito all’immediato deprezzamento delle azioni della stessa Coca Cola, il cui valore di mercato è sceso da 242 a 238 miliardi di dollari.

Ebbene, ciò che colpisce di questa vicenda non è l’atteggiamento di Ronaldo – che rispecchia peraltro la sua maniacalità nella cura del corpo – né il calo dell’1,6% delle suddette azioni, bensì la conferma di quanto lo star power stia cambiando le regole non scritte della comunicazione sociale, politica ed economica. Così, al pari di artisti e influencer, gli atleti più famosi al mondo indirizzano il dibattito pubblico e condizionano l’andamento di alcuni mercati. Basti pensare, ad esempio, a ciò che è successo con il monologo di Fedez al concerto del primo maggio, nonché all’impegno socio-politico di LeBron James nella lotta al razzismo sistemico negli Stati Uniti [Qui] o all’attivismo della tennista Naomi Osaka.

Il potere comunicativo degli atleti professionisti è aumentato poiché non c’è più l’esclusiva sui loro contenuti: infatti, oltre all’impareggiabile cassa di risonanza dei social network, i protagonisti dello sport hanno a disposizione delle piattaforme in cui, senza filtri giornalistici o televisivi, esprimono opinioni e raccontano le loro storie. Mi riferisco perlopiù a The Coaches’ Voice, a Untold Athletes e a The Players’ Tribune, sul quale, a proposito di razzismo, è da poco uscito un lungo e personalissimo articolo del giocatore del Chelsea Antonio Rüdiger che vi consiglio di leggere [Qui].

Insomma, lo sport professionistico si sta adattando a quella disintermediazione che già da qualche anno ci fa porre delle domande sul futuro dei media tradizionali, e specialmente sulle modalità con cui quest’ultimi riusciranno a coinvolgere un pubblico che, inevitabilmente, sarà sempre più abituato al rapporto diretto con i singoli atleti.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
sguardo bambina brasile
PRESTO DI MATTINA
Francesco, “pastore degli sguardi”
lumaca chiocciola casa
DI MERCOLEDI’
Non ci sono santi, maschere sì: Veronesi e Romagnoli due libri a confronto
Fedez, l’insostenibile leggerezza dei conformisti
LA VIGNETTA
Primo Maggio per caso?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi