La porta dello spavento supremo è il limite imposto al nostro essere, oltre, per certezza, solo il buio. Come un immenso buco nero del quale solo l’orizzonte si può vedere, ma oltre, qualsiasi cosa vi entri, non avrà più possibilità di tornare indietro. Giusta la paura? Naturale, certamente. Ma un aiuto nel sapere è l’unico porto sicuro dove poter trovare conforto nell’attesa dell’unica certezza della vita: la morte.

“Il male, dunque, che più ci spaventa, la morte, non è nulla per noi, perché quando ci siamo noi non c’è lei, e quando c’è lei non ci siamo più noi.”
Epicuro

Commenta

Ti potrebbe interessare:
FAMILY NOW
La vita sospesa di ragazzi e genitori: per esempio una chat…
Le lacrime della pioggia
ECONOMIA E SOCIETA’ NEL TEMPO DEL CORONAVIRUS:
una storia diversa da quella che ci raccontano
La pietra e la fionda:
#andràtuttobenesenontorneràtuttocomeprima

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi