Home > ACCORDI - il brano della settimana > The apphole of the day
Tempo di lettura: 3 minuti

Iniziamo la settimana ripristinando il premio performer-del-giorno.
Oggi se lo aggiudica questo bomberone entrato in un negozio Apple di New York sventolando una katana.
Purtroppo non c’è modo di sapere per quale motivo il nostro abbia fatto ‘sta cosa.
Una cosa notevole.

Album: “San Francisco's Doomed” del 1990

Album: “San Francisco’s Doomed” del 1990

Ma anche un po’ da chiodi se confrontata col tipo che – mi pare l’anno scorso – ha sfondato il negozio Apple di Ferrara con la macchina per poi scendere e accendersi bello placido una sigaretta.
Ha ragione Lydia Lunch, New York non è proprio più quella di un tempo.
Una volta te ne potevi andare a vedere i Contortions e smanazzare una pistola in prima fila davanti a un James Chance intento a riempire il suo sax di pernacchiette.
Probabilmente non solo il suo sax ma anche i suoi mutandoni, stando al racconto di Jim Sclavunos.
E io di Jim Sclavunos mi fido, non solo per la sua batteria in Confusion Is Sex.
Mi fido perché era proprio lui a smanazzare quella pistola in faccia a quel pistola.
Così per oggi mi sembra doveroso spernacchiare New York e omaggiare il nostro samurai della domenica con un pezzo a tema.

Ogni giorno un brano intonato alla cronaca selezionato e commentato dalla redazione di Radio Strike.

Selezione e commento di Andrea Pavanello, ex DoAs TheBirds, musicista, dj, pasticcione, capo della Seitan! Records e autore di “Carta Bianca” in onda su Radio Strike a orari reperibili in giorni reperibili SOLO consultando il calendario patafisico. xoxo <3

Radio Strike è un progetto per una radio web libera, aperta ed autogestita che dia voce a chi ne ha meno. La web radio, nel nostro mondo sempre più mediatizzato, diventa uno strumento di grande potenza espressiva, raggiungendo immediatamente chiunque abbia una connessione internet.
Un ulteriore punto di forza, forse meno evidente ma non meno importante, è la capacità di far convergere e partecipare ad un progetto le eterogenee singolarità che compongono il tessuto cittadino di Ferrara: lavoratori e precari, studenti universitari e medi, migranti, potranno trovare nella radio uno spazio vivo dove portare le proprie istanze e farsi contaminare da quelle degli altri. Non un contenitore da riempire, ma uno spazio sociale che prende vita a partire dalle energie che si autorganizzano attorno ad esso.

radio@radiostrike.info
www.radiostrike.org

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi