Home > ACCORDI - il brano della settimana > The rocket is cooked

Inizia oggi – suppongo, spero e/o sono disposto anche a pregare – una nuova settimana libera da – o meno affollata di – strombazzanti, roboanti e pirotecniche celebrazioni per i 50 anni dell’allunaggio.
Mi scuso umilmente per il mio esordio da vero e proprio scunzamnestra ma non è colpa mia.
“Ho un brutto carattere”, “no grazie, non sono interessato” e/o “questa cosa dell’allunaggio ha un po’ – come si dice qui – cotto il razzo” sono solo alcune delle formule che mi sono trovato costretto a usare nei giorni scorsi in varie occasioni.
Ad ogni modo non è colpa mia e poi è vero, ho un brutto carattere.
Ci tengo però a precisare che non sono uno di quei negazionisti dell’allunaggio.
Ho solo un brutto carattere e non sono interessato.
Questo però non mi ha mai impedito – nel corso degli anni – di informarmi ossessivamente sul razzo Saturn V e su quell’uomo che si chiamava quasi come un asciugacapelli della Braun insomma, lui: Wernher Von Braun.
L’argomento è assai interessante.
Queste celebrazioni (almeno per me) un po’ meno.
Mi aspettavo qualcosa di più ma come si è capito ho proprio un brutto carattere e in più sono anche molto esigente.
Ma ormai chi se ne frega, il razzo è cotto e si è già raffreddato quindi anche a questo giro l’ho scampata bella.
Complimentoni a tutti, allora.
Soprattutto a quel ferrarese ignoto che – mi dicono, circa negli anni ’80 – inventò questa portentosa espressione che amo molto usare: hai/avete cotto il razzo.
Grazie di nuovo e via col pezzo a tema.

Poor Moon (Canned Heat, 1969)

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Till we have built Jerusalem
L’ultimo canto
Una serata al My Dream
Sardinista!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi