Home > IL QUOTIDIANO > Tronco spezzato
Tempo di lettura: < 1 minuto

La forza del vento impetuosa che non lascia scampo a chi nasconde, sotto una corteccia fiorente, il marciume del proprio animo. È l’invisibile che abbatte il nostro essere. L’impeto improvviso e furioso di un qualcosa che non vedi arrivare. E tra tutti, l’unico ad attrarre l’attenzione e colui che, tra gli altri, si piega e si spezza. Non simbolo di fedeltà alle proprie radici, ma tana e covo per chi ti logora dall’interno. Simbolo, al massimo, del moderno decadimento, con un unico enigma che rimane: Che rumore fa un albero che cade in una foresta dove non c’è nessuno ad ascoltare?

Commenta

Ti potrebbe interessare:
La catabasi del lockdown
OLTRE LE PAROLE
Raggiungere l’Infinito attraverso il nostro Finito
Shakespeare
Due passi in centro…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi