20 Settembre 2017

Turismo dell’indifferenziata? Autodifesa di un (buon) cittadino ferrarese contro le fatidiche calotte

Francesco Monini

Tempo di lettura: 6 minuti

Non ci si può arrabbiare subito subito. Proviamo allora a prenderla con ironia.
Nella nostra bella Ferrara, città d’Arte e di Cultura, sta prendendo piede un nuovo tipo di turismo. Non il turismo di massa dei nostri Lidi, o quello culturale del centro storico, o quello ‘dolce’ e ‘intelligente’, ma il turismo del pattume, più precisamente il ‘turismo Indifferenziato’.
Si tratta di un turismo locale, a corto raggio, e funziona pressappoco così. Dopo l’avvento improvviso, confuso, non documentato, delle fatidiche calotte, prima a Pontelagoscuro e a seguire in via Bologna e in altre zone urbane, il bravo cittadino ha davanti a sé quattro scelte. La prima: utilizzare la tessera personale, se ce l’hai, se ti è arrivata, se hai capito come funziona, e aprire la cassaforte della calotta. Ma è una scelta quasi impossibile. Rimangono tre alternative. Le prime due sono molto comode, anche se disdicevoli: lasciare il sacco della spazzatura ai piedi del cassonetto, o peggio, infilare il sacco del pattume indifferenziato nei cassonetti della carta e della plastica, essendo questi privi di calotte, quindi ad apertura libera.
Da ultimo, che altro può fare il buon cittadino, lo stesso cittadino che da anni fa diligentemente la sua brava raccolta differenziata e paga alla concessionaria Hera Spa la sua tassa?
Il buon cittadino ferrarese utilizza l’ultima alternativa, quella più civile, anche se fuori dalle regole. Non prende a picconate il cassonetto con in cima la calotta – anche se quel pensiero violento forse gli attraversa la mente – ma usa una specie di ‘difesa popolare non-violenta’. Prende il suo sacchetto di immondizia indifferenziata, inforca la bicicletta, o lo carica in macchina, oppure semplicemente cammina per qualche isolato verso… Verso il quartiere, la zona, l’isola ecologica dove ancora le calotte non sono state montate. Colà giunto, apre il cassonetto dell’indifferenziata e deposita il suo sacchetto. Pensate a una persona anziana o a un disabile, andare in cerca di un ‘cassonetto accogliente’ diventa una bella impresa, ma al paciug in qualche modo deve essere smaltito.
L’effetto è notevole. Se girate per Ferrara troverete che nelle zone senza calotte, la maggioranza, i cassonetti bollono, traboccano, eruttano sacchetti. Compresi quelli diligentemente e civilmente portati dai ferraresi che, ahi loro, abitano nelle zone di sperimentazione delle calotte.

Ma non si può continuare solo con l’ironia…
L’indecoroso e offensivo – per i ferraresi – spettacolo delle calotte merita qualche considerazione più seria.
Dopo svariati anni, proprio alla fine di questo 2017 scade la concessione a Hera Spa del ciclo dei rifiuti. La Giunta del Comune, compreso l’Assessore all’Ambiente Ferri, sembrano in difficoltà, anche se provano a difendere le scelte dell’azienda profit di cui sono ancora un piccolissimo azionista. Le minoranze sparse e i vari capipopolo non perdono l’occasione per incitare alla rivolta popolare; schiamazzano, promettono manifestazioni di piazza. Il solito copione.
C’è, invece, un’altra strada da percorrere. Più diretta, più intelligente, più democratica. Mettere in discussione la concessione in scadenza e procedere alla ri-pubblicizzazione del ciclo dei rifiuti. Il comune di Forlì, insieme ad altri dodici comuni del suo comprensorio, lo sta facendo. Ha già costituito una azienda pubblica – si chiama Alea – che a fine 2017 rileverà da Hera gli impianti e tutto il servizio rifiuti. Lo può fare anche il Comune di Ferrara. Basta volerlo. Basta organizzarsi.

I risultati della gestione Hera – questo nelle tardive assemblee informative di quartiere viene taciuto – sono più che deludenti. La raccolta differenziata a Ferrara è ferma attorno al 60%. Decisamente più bassa rispetto a molte realtà del Centro e Nord d’Italia.
Ma le calotte – è quello che ci viene raccontato – faranno innalzare questa percentuale. E’ possibile, forse probabile. Peccato che ‘la campagna delle calotte’ sia iniziata tardi e sia stata condotta malissimo. Nessuno ci dice quale sarà la tariffa che, a parità di rifiuti, una famiglia dovrà pagare con il nuovo sistema. Di meno? Quanto di meno? L’assessore Ferri dice che si stanno facendo dei calcoli, delle simulazioni. Ma non era più rispettoso – sempre verso il cittadino utente – che queste simulazioni fossero fatte prima di introdurre le calotte? Non era più civile e democratico informare per tempo i cittadini sul come e sul quanto? A oggi non è dato sapere nemmeno a quanti “conferimenti in calotta” (leggi: sacchetti del pattume) ogni famiglia avrà diritto, senza sfondare il tetto e quindi incorrere in una sovrattassa.
Il dubbio fondato è che questa tardiva, raffazzonata, mal gestita “campagna delle calotte” serva ad Hera Spa per dimostrare che è in grado di aumentare la percentuale della raccolta differenziata e quindi di meritare la conferma della concessione da parte del Comune di Ferrara.
Sinceramente a me non pare meritarsela. A fine 2017, salvo proroghe, scade la concessione a Hera per il trattamento del ciclo dei rifiuti. Hera Spa è una grande azienda animata da uno spirito privatistico, che fa utili per i suoi azionisti pubblici e privati. Hera pratica tariffe alte, a Ferrara le più alte di tutti gli altri capoluoghi emiliani.
I profitti di Hera Spa – anche se sul suo bilancio sono scritti con un altro nome – gravano sui cittadini utenti. In più, come si è detto, la qualità del servizio Hera e i suoi risultati sono tutt’altro che buoni. Nel ciclo dei rifiuti, ma sia detto per inciso, anche per l’acqua: a Ferrara si registra il 38% di perdite sull’acqua immessa in rete.
Non so come la pensino i cittadini ferraresi, a me pare che sul bene comune per eccellenza, l’acqua, o su un servizio essenziale come il trattamento dei rifiuti, sarebbe equo pagare non un euro di più rispetto al costo puro del servizio e dei necessari investimenti. Nessun profitto per favore.

Per ri-pubblicizzare l’acqua – come imponeva un referendum stravinto ma tradito – occorre un processo di una certa complessità. Si potrebbe almeno cominciare a pensarci. Ma sul ciclo dei rifiuti il processo è più semplice. E qualche città ha già fatto la scelta di assumere direttamente la gestione del servizio, per tutelare i diritti (e le tasche) dei suoi cittadini.
Un vero atto di coraggio e di sano realismo del Comune di Ferrara sarebbe questo. Far togliere le calotte. Ammettere di aver sbagliato i tempi e i modi. Chiedere scusa ai ferraresi per un metodo calato dall’alto, senza una vera consultazione e partecipazione. Ci pensi il sindaco: valuti seriamente la disdetta della concessione a Hera Spa del ciclo dei rifiuti.
Non sarebbe un piegarsi alle solite speculazioni di una minoranza dedita al cecchinaggio e al populismo di bassa Lega, ma un atto di responsabilità. Un modo per rispondere in modo civile e democratico ai buoni ferraresi che, giocoforza, si dedicano oggi al turismo del pattume.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Francesco Monini

Nato a Ferrara, è innamorato del Sud (d’Italia e del Mondo) ma a Ferrara gli piace tornare. Giornalista, autore, infinito lettore. E’ stato tra i soci fondatori della cooperativa sociale “le pagine” di cui è stato presidente per tre lustri. Ha collaborato a Rocca, Linus, Cuore, il manifesto e molti altri giornali e riviste. E’ direttore responsabile di “madrugada”, trimestrale di incontri e racconti e del quotidiano online “ferraraitalia”, ora “periscopio”. Ha tre figli di cui va ingenuamente fiero e di cui mostra le fotografie a chiunque incontra.
Francesco Monini

Ti potrebbe interessare:

  • Colloqui di Dobbiaco 2022
    Etica Animale e Cambiamenti Climatici nel piatto

  • 27 settembre, ore 19,30: Il giallista ferrarese Marco Belli al Centro Sociale La Resistenza

  • “L’ambientalismo senza lotta di classe è giardinaggio”:
    la nuova dimensione conflittuale dei Fridays For Future

  • rondini

    Per certi versi / La partenza delle rondini

  • Le Elezioni, l’Elettore e il Partito che non c’è

  • IRAN: Dopo la morte di Mahsa Amini
    si riaccende in tutto il paese la rivolta delle donne

  • PRESTO DI MATTINA /
    Desiderio desideravi

  • Ferrara, Ciak si (ri)gira: 100 preludi

  • VITE DI CARTA
    Dopo il Festivaletteratura di Mantova (seconda parte).

  • BOMBE NUCLEARI STRATEGICHE E TATTICHE
    Un tema di drammatica attualità

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi