Home > COMUNICATI STAMPA > Ultimo appuntamento con il ciclo di conferenze sull’Olocausto

Ultimo appuntamento con il ciclo di conferenze sull’Olocausto

Da: Ufficio Stampa Università di Ferrara

“La (in)dicibilità del Male: quale lingua per raccontare la Shoah?”. Lunedì 11 novembre alle 16.15 nell’Aula A1 del Polo Didattico degli Adelardi.

Ultimo appuntamento lunedì 11 novembre con il ciclo di seminari “La (in)dicibilità del Male: quale lingua per raccontare la Shoah?” a cura di Isabella Mattazzi del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Ferrara e patrocinata da Comune di Ferrara e MEIS.

Niccolò Scaffai dell’Università di Lausanne alle ore 16.15 nell’Aula A1 del Polo Didattico degli Adelardi, (Via degli Adelardi, 33), parlerà de “Lo stile della memoria. Testimonianza e racconto in Primo Levi”. La conferenza è aperta a tutta la cittadinanza fino a esaurimento posti.

Uno degli studiosi oggi più importanti in Italia di poesia del Novecento, Scaffai parlerà di Levi entrando nello specifico del suo linguaggio e utilizzerà il discorso sulla sua lingua come laboratorio per capire la Shoah e la sua scissione in esperienza dicibile/indicibile.

L’appuntamento di lunedì chiude il ciclo di seminari sulla narrazione della Shoah, pensati come un laboratorio di riflessione sui limiti del linguaggio, su una possibile declinazione politica della parola letteraria, così come sul rapporto complesso tra l’Uomo e la Storia.

Note biografiche
Niccolò Scaffai insegna Critica letteraria e letterature comparate all’Università degli Studi di Siena e Letteratura contemporanea all’Università di Lausanne. Specialista di Primo Levi, ha dedicato anche una corposa parte dei suoi studi a Eugenio Montale, in particolare con la monografia Montale e il libro di poesia (2002), il commento alle Prose narrative nella collana Oscar di Mondadori (2008) e quello a La bufera e altro nella collana Lo Specchio (2019). Tra i suoi libri recenti ci sono anche Il lavoro del poeta. Montale, Sereni, Caproni (2015); Letteratura e ecologia (2017); À l’italienne. Narrazioni dell’italianità dagli anni Ottanta a oggi (2018).

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi