di Francesca Ambrosecchia

Il corpo umano come insieme di ingranaggi e meccanismi, produttori di necessità e bisogni. Siamo macchine generate dalla natura, una natura a cui sentiamo di appartenere poiché comprende tutto ciò che è sociale e culturale.
Talvolta gli ingranaggi vengono sostituiti da un battito d’ali di farfalla o da un fitto contorcersi di rami, ecco i nostri sogni e desideri: leggiadri ma anche fitti e talvolta pungenti.
Torniamo così a due cardini imprescindibili, la ragione e il sentimento.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Apre il museo nascosto:
visita guidata nei depositi del Manfe
Come rendere un’abbazia la prima d’Italia (e farla rimanere tale per otto secoli)
Vite semplici, luoghi straordinari
PER CERTI VERSI
Silenzio Alfa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi