Home > IL QUOTIDIANO > UN’ALTRA ECONOMIA
Expo, una prospettiva oltre l’evento

UN’ALTRA ECONOMIA
Expo, una prospettiva oltre l’evento

cibo e globalizzazione
Shares

Viviamo in un’epoca di profondo cambiamento, un’epoca in cui le tecnologie e la produttività progrediscono in una maniera mai vista prima nella storia. Le economie dei paesi, grazie anche alle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione, sono sempre più interdipendenti, al punto da creare un unico, enorme, mercato globale. Questo fenomeno, noto come globalizzazione, non porta però al progresso e al benessere comune come molti avevano teorizzato. Esso mostra piuttosto due aspetti in netta contrapposizione: se da una parte abbiamo paesi con alti tassi di tecnologia, risorse e produttività; dall’altro abbiamo vaste zone del pianeta con economie e tecnologie ancora arretrate; nei primi il problema dell’obesità, nei secondi la tragedia della morte per fame.

“Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” è il tema proposto da EXPO Milano 2015, il cui obiettivo è l’educazione delle popolazioni tramite il coinvolgimento di governi, istituzioni e cittadini in un dibattito sui temi universali connessi all’alimentazione e allo sviluppo sostenibile, aumentandone la consapevolezza con lo scopo di un miglioramento nelle scelte e nelle azioni. Se è evidente che la cooperazione fra i popoli e fra i paesi è fondamentale per raggiungere l’obiettivo di “Nutrire il Pianeta”, garantendo cibo a sufficienza e sicurezza alimentare in tutto il mondo, è anche chiaro che si tratta di un percorso non certo breve o privo d’insidie. L’idea che uno sviluppo equo e sostenibile sia raggiungibile tramite un processo democratico di ampliamento delle libertà reali godute dagli individui e di eliminazione delle fonti di illibertà è tutt’altro che scontata, sia negli ambienti politici che in quelli economici, nei quali spesso si riduce il concetto di sviluppo a mera crescita del PIL pro capite. Ben diversa è però la realtà che si presenta agli occhi dell’osservatore attento e sensibile ai problemi del mondo che lo circonda.

Diffondere il sapere, migliorare la condizione umana, favorire l’incontro tra i popoli e la cooperazione fra gli stati: oltre che imperativi morali che tutti dovrebbero osservare, sono gli obiettivi generali che si pongono le esposizioni universali e, con particolare enfasi, quella italiana attualmente in corso.

Proprio in occasione di EXPO è stata infatti presentata la “Carta di Milano”: una proposta di accordo mondiale, contenente misure concrete per combattere gli sprechi alimentari, la fame e le contraddizioni presenti nell’economia globale. La “Carta di Milano” è frutto di un ampio dibattito internazionale fra mondo scientifico imprenditoriale ed istituzionale sulle seguenti tematiche:

  • la ricerca di modelli economici e produttivi in grado di generare uno sviluppo sostenibile in ambito economico e sociale,
  • lo studio dei modelli agricoli in grado di produrre una quantità sufficiente di cibo senza danneggiare le risorse idriche e la biodiversità (con uno sguardo approfondito riguardo agli ogm),
  • lo studio delle migliori pratiche tecnologiche atte a ridurre le disuguaglianze e garantire equo accesso al cibo, con particolare riguardo alle grandi città dei paesi in ritardo di sviluppo, che hanno una grandissima densità di popolazione ma che faticano ad accedere alle risorse.
  • il cibo visto non più solo come mera fonte di nutrimento, bensì come identità socio-culturale di un paese o di una regione.

Tutto questo allo scopo di raggiungere i seguenti dieci obiettivi:

  • Diritto al cibo sicuro e nutriente,
  • Contrasto degli sprechi,
  • Difesa del suolo,
  • Lotta al lavoro in nero e minorile,
  • Sostegno del reddito,
  • Tutela della biodiversità,
  • Guerra alle frodi,
  • Investimento nella ricerca,
  • Energia pulita,
  • Promozione dell’educazione alimentare.

L’Organizzazione delle Nazioni Unite ha confermato ufficialmente la propria partecipazione a EXPO Milano 2015, le cui sfide sono rese particolarmente attuali dalla contemporanea scadenza degli “Obiettivi del Millennio” varati dall’ONU. Nel settembre 2000, infatti, è stata firmata all’unanimità da tutti i 193 paesi membri delle Nazioni Unite il programma che prevedeva per il 2015 il raggiungimento dei seguenti obiettivi:

  1. sradicare la povertà estrema e la fame.
  2. rendere universale l’istruzione primaria,
  3. promuovere la parità dei sessi e l’autonomia delle donne,
  4. ridurre la mortalità infantile,
  5. ridurre la mortalità materna,
  6. combattere l’HIV/AIDS, la malaria e altre malattie,
  7. garantire la sostenibilità ambientale,
  8. sviluppare un partenariato mondiale per lo sviluppo.

Si trattava certamente di obiettivi ambiziosi che purtroppo, col senno di poi, possiamo dire non esser stati del tutto realizzati. È innegabile che siano stati fatti grandi passi avanti nella giusta direzione, ma è impossibile esultare di fronte a oltre un miliardo di persone nel mondo che ancora oggi vivono al di sotto della soglia di povertà e sarebbe ridicolo cercare giustificazione nascondendosi dietro la scusa della “crisi economica”.

L’EXPO che si tiene a Milano in questo periodo è sicuramente una grandissima opportunità di dialogo e di confronto su tali tematiche. Proprio prendendo spunto da Expo, in questa rubrica, tratteremo gli studi, i pensieri e i fatti che si spera, magari in un futuro non troppo lontano, potranno portare ad un’economia globale veramente sostenibile per le popolazioni.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Le proteste antisistema che rigenerano il sistema
Senza freni: la democrazia cristiana illiberale e gli attacchi alla chiesa di Bergoglio
Europa addio
INTERNAZIONALE A FERRARA 2018
“La globalizzazione è il nuovo colonialismo”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi