30 Aprile 2018

Un concerto al giorno toglie il medico di torno

Redazione

Tempo di lettura: 8 minuti

Lo avreste mai detto che andare a un concerto allunga la vita?
Che andare ai concerti fosse una bellissima esperienza non era certo un mistero, ma ora c’è uno studio scientifico secondo il quale partecipare a eventi aumenterebbe il nostro benessere. Così almeno sostiene Patrick Fagan, docente associato della Goldsmith’s University, specializzato in scienza comportamentale. In base ai dati raccolti, assistere a un concerto per venti minuti aumenta il benessere del 21%. Ai partecipanti sono stati forniti test psicometrici personalizzati e test di frequenza cardiaca, registrando un aumento dei sentimenti di autostima (25%), vicinanza agli altri (25%) e stimolazione mentale (75%) mentre assistevano a un concerto. Lo studio ha inoltre dimostrato che chi va ai concerti almeno una volta ogni due settimane, avrà più probabilmente felicità, appagamento, produttività e autostima ai massimi livelli.
E se arrivassimo a considerare la musica e gli altri eventi dal vivo, dai festival alle stagioni sinfoniche e liriche, di prosa e di danza, come un complesso di produzioni culturali, parte di un più ampio sistema di welfare per fare dei territori e delle città ambienti accoglienti, socialmente coesi e sicuri?

In Italia si stanno attivando numerose iniziative volte allo sviluppo, alla facilitazione e al sostegno dell’industria della musica dal vivo per il riconoscimento del suo valore sociale, culturale, economico in termini di indotto e di occupazione. È necessario affrontare il mondo della musica e dello spettacolo dal vivo, e dei professionisti che vi lavorano con passione e impegno, trasformando in lavoro un modo di essere – l’essere artista – con una visione d’insieme, proponendo una ridefinizione dei diritti e dei doveri in un’ottica di sistema e mettendo al centro la legalità e il valore sociale, culturale ed economico del settore.
È quello che cerca di fare Doc Servizi, nata nel 1990 a Verona, una cooperativa di professionisti dello spettacolo dal vivo, che si sta aprendo anche alle altre professioni dell’arte, della creatività, della cultura e che dal 2016 è presente anche a Ferrara.
Doc Servizi è diventata ormai una rete di diverse realtà, in grado di offrire diversi tipi di servizi e di agire su vari fronti. Dopo Federico Rasetti, ferrarese, direttore di KeepOn LIVE – il circuito nazionale che promuove e sostiene la cultura della musica italiana originale dal vivo – Ferraraitalia ha intervistato Andrea Ponzoni, da aprile 2017 product manager in Doc Live, altro nodo della rete Doc Servizi per la musica dal vivo, che in realtà si occupa di management di eventi live a tutto tondo.
Solo per fare un esempio Doc Live è media partner di 1 M Next, il contest per il concertone del 1 maggio ormai alle porte. 1 M Next è organizzato da iCompany ed è dedicato a proposte artistiche inedite ed emergenti. Il voto del pubblico si è sommato a quello di una giuria di qualità: sono usciti i 12 finalisti che si sono esibiti sul palco del FELT Music & School. La giuria composta dal presidente Massimo Cotto (autore, scrittore, giornalista, speaker Virgin Radio), Massimo Bonelli (organizzatore Concerto Primo Maggio), Max Bucci (direttore artistico Rock in Roma), Mattia Marzi (giornalista per Rockol), Diletta Parlangeli (giornalista per Il Fatto Quotidiano, La Stampa.it e Wired Italia), Marta Venturini (autrice, compositrice, arrangiatrice e produttrice artistica), ha decretato i 3 finalisti, Erio, La Municipàl, Zuin, che si esibiranno sul palco del concertone, quando verrà decretato il finalista.

Qual è la situazione degli eventi live in Italia e in Europa?
La musica live in Italia e in Europa gode di ottima salute. Dai dati forniti da Assomusica nel 2017, l’Italia è al sesto posto per fatturato mondiale con un profitto di circa “721 milioni di euro e una previsione di crescita per il 2021 pari a 832 milioni”.
La cosa più interessante e rischiosa allo stesso tempo è vedere come l’interesse per i gruppi considerati ‘emergenti’ sia sempre più grande. Basti pensare a band come i Canova – o Coez, Carl Brave x Franco 126 – che nel giro di un anno sono passati dai piccoli club ai sold-out nelle grosse venues. L’opportunità è generare sempre più interesse e favorire il ricambio generazionale, il rischio è che si brucino le tappe andando alla ricerca forsennata del nuovo, senza dar tempo ai ‘giovani’ di crescere, facendo una giusta gavetta.
E’ evidente, tuttavia, che si sia davanti a una nuova onda musicale, lo si può notare anche nel cambio di line-up di festival e manifestazioni più istituzionali: ce lo dicono Mirkoeilcane e Lo stato Sociale a Sanremo e la programmazione del Concertone del 1 Maggio. Ora la prossima sfida è lavorare per esportare sempre più musica italiana, con strutture e realtà atte a dare consulenza, promozione e con l’opportunità di creare reti internazionali.

Come fa oggi un’artista a crearsi un proprio spazio nel mercato e di cosa parliamo precisamente quando usiamo il termine ‘mercato’ nel settore delle professioni artistiche?
Il mercato è cambiato, l’abbiamo detto più volte. Proprio in questi giorni, per esempio, ci si interroga sull’utilità per un artista di produrre ancora musica su formato fisico (cd). Quando parliamo di ‘mercato’ parliamo di diffusione in streaming, merchandising, sincronizzazioni, diffusione nelle radio instore, endorsement e live. Per gli artisti diventa sempre più necessario considerare tutti questi aspetti ed essere autonomi, dalla gestione dei social al rapporto con la fan base, dal merchandising alla realizzazione dell’evento.

Difficile essere artista. Facile farlo. Questa frase sintetizza la mission di Doc Live?
Certamente, l’obiettivo è proprio facilitare i processi burocratici e studiare percorsi manageriali che possano snellire le attività dell’artista, accompagnandolo in ogni fase.

Quando è nata Doc Live e perché?
Doc Live è nata nei primi mesi del 2017 per venire incontro all’esigenza di creare opportunità lavorative, fornire consulenze artistiche e occuparsi di management in generale. In particolare ci sta a cuore lo studio di nuovi prodotti, dalla gestione centralizzata del ticketing alla pianificazione del merchandising nelle piccole-medie produzioni. Come disse un grande editore, Toni Verona, la parte difficile non è far entrare i cd nei negozi, ma capire come farli uscire! Noi ci proviamo, attuando tutta una serie di attività mirate.

DocLive quindi non si occupa solo di musica, ma di management artistico e di eventi live a tutto tondo? Quali servizi? Quale rete?
Ci siamo occupati di vari eventi: dalla direzione artistica della Festa della Musica di Milano alla produzione di Arezzo Wave Love Festival; abbiamo prodotto la finale di Sziget & Home Festival del 2017 e coordinato le stagioni musicali di molte città, da Pavia a Desenzano del Garda. Inoltre collaboriamo con molti locali italiani, sempre come consulenti. In sostanza non siamo un’agenzia, ma lavoriamo con tutte le agenzie. Questa è la nostra rete: gli artisti del circuito Doc Servizi e non, più di 2000, le più importanti agenzie italiane, i promoter europei, le aziende che collaborano con noi. Inoltre gestiamo il management di alcuni artisti emergenti: Veronica Marchi, Barriga, Alessandro Sipolo, finalista di Musiccultura 2017. Da quest’anno abbiamo anche iniziato a produrre qualche format originale, tra i quali ‘Lady Day’, al quale teniamo particolarmente, spettacolo sulla sensibilizzazione contro la violenza sulle donne nato in collaborazione con Lilium Produzioni.

Uno degli elementi su cui puntate è la capacità di proporre soluzioni innovative in un settore in continuo cambiamento, qual è il vostro segreto?
Mi verrebbe da dire che la nostra forza sono le persone che decidono di sposare la filosofia della cooperazione e della rete. La condivisione di esperienze e contatti fa si che ci siano persone – anagraficamente più giovani – che portano freschezza e idee che, messe in relazione con l’esperienza di persone più mature, riescono a creare un giusto mix tra autorevolezza e innovazione.

Leggi anche
Vita da artisti Doc: da vocazione a professione
KeepOn Live: ogni locale di musica dal vivo può nascondere un nuovo Guccini



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Redazione

Redazione

Ti potrebbe interessare:

  • Diario di un agosto popolare
    8. STELLE CADENTI

  • Il ritorno dell’inflazione e dei tassi d’interesse.
    Il sistema si autoassolve a spese dei cittadini

  • Walden – Andare per boschi

  • Vecchi, ricchi, “condizionati” … e una gran paura della morte:
    cronaca di un dialogo impossibile

  • La tirannia del tempo
    …un racconto

  • SENZA UN’IDEOLOGIA IL PD HA PERSO LA SUA IDENTITÀ.
    Corre verso il Centro e non convince gli italiani.

  • LO STESSO GIORNO
    Quando i poveri eravamo noi: non dimenticare Marcinelle

  • Diario di un agosto popolare
    7. LA BOLLA SVEDESE

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • VERTENZA EX GKN:
    tavolo istituzionale a un’impasse

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi