Home > ACCORDI - il brano della settimana > Un film da fine del mondo

The Air That I Breathe (The Hollies, 1974)

Tempo fa ho visto un film meraviglioso… ‘Cercasi amore per la fine del mondo’…
Non è una commedia, non è un film romantico, non è un film catastrofico, non è un film drammatico, è semplicemente un po’ tutte queste cose e un po’ qualcos’altro.
Gli ultimi giorni di un uomo normale negli ultimi giorni del mondo.
Voi cosa fareste al suo posto? Io cosa farei? Non lo so, e spero tanto di non doverlo decidere un giorno. Ma se un giorno dovessi trovarmi nei suoi panni, penso che vorrei avere la forza d’esser come lui.

Dodge Petersen (un Steve Carell in stato di grazia) fa l’assicuratore. Mancano tre settimane all’impatto con un enorme asteroide che causerà l’estinzione della vita sulla Terra. La moglie, stanca, depressa e preda della disperazione, fugge via lasciandolo solo ad aspettare la fine del mondo.
Intorno a lui la gente reagisce alla situazione nei modi più strani, a volte tragici, a volte divertenti. Nel frattempo, il ritrovamento della lettera del suo primo grande amore e l’incontro con la sua vicina di casa danno all’uomo un ultimo scopo da raggiungere…

Dodge non è un eroe, tantomeno un supereroe, è semplicemente un uomo normale, un uomo alla ricerca di se stesso prima che sia troppo tardi. E nella sua ricerca capirà che l’unica cosa veramente importante, l’unico bene veramente prezioso, la cosa che rimane alla fine di tutto e per cui vale la pena vivere anche solo per le poche ore che restano, è l’amore.
Il film scorre leggero. La tragedia finale incombe e tutto accade nella più totale bizzarria, nella più assoluta, disperata, amara allegria.
Tra fughe di massa, suicidi, sommosse, orge e feste d’addio, due persone cercano la salvezza assaporando gli ultimi giorni del mondo con un’intensità tale che la vita intera non avrebbe saputo dare.
Non si parla d’imprese eroiche, la scena non appartiene ad astronauti e scienziati, non c’è più tempo, non serve più. Ciò che resta non è più là fuori, ma tutto dentro di noi. Si parla di sentimenti, d’amicizia e d’amore. Ma fidatevi, non è affatto noioso.
È divertente e commovente… Vedere per credere!

The Beach (Rob Simonsen & Jonathan Sadoff, 2012)

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Till we have built Jerusalem
I luoghi mitici dell’identificazione
I DIALOGHI DELLA VAGINA
A DUE PIAZZE – Confidarsi con l’estraneo…
Una serata al My Dream

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi