Home > COMUNICATI STAMPA > Un nuovo libro dedicato a De Andrè e l’aneddoto di un ritrovamento di un prezioso cofanetto per dischi di Dante Bighi al centro di un incontro alla libbreria IBS Libraccio di Ferrara

Un nuovo libro dedicato a De Andrè e l’aneddoto di un ritrovamento di un prezioso cofanetto per dischi di Dante Bighi al centro di un incontro alla libbreria IBS Libraccio di Ferrara

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Libreria IBS

Giovedì 06 dicembre ore 18:00, presso la storica Sala dell’Oratorio di San Crispino, al piano terzo della Libreria Ibs e Libraccio affacciati su Piazza Trento Trieste della città estense, sarà presentato il libro TUTTI MORIMMO A STENTO, Il Sessantotto di Fabrizio de André, edito da Lampi di stampa nel agosto del 2018.

Il libro sarà presentato dagli autori Claudio Sassi e Odoardo Semellini anticipata da una breve introduzione del centro studi Dante Bighidi Copparo con cui gli autori hanno avuto un intenso carteggio estivo dovuto alla scoperta del cofanetto e della grafica del disco disegnate dal grafico artista pubblicitario Dante Bighi.

A 50 anni dalla pubblicazione, i due autori Sassi e Semellini ripercorrono la genesi del disco Tutti morimmo a stento, raccontando alcuni retroscena inediti e curiosi impreziositi da interviste mai date alle stampe di Reverberi, Romana, Mannerini, Casetta e molte altre figure che hanno collaborato al progetto

L’evento sarà realizzato con la collaborazione del centro studi Dante Bighi di Copparo ed in sala, con gli autori, dialogherà per conto dell’Istituto Bighi, l’architetto Maurizio Bonizzi che illustrerà il legame tra Bighi, che in quegli anni lavorava a Milano anche per Philips, IBM, RAI, Scala di Milano e molti altri marchi legati alla nascita dell’ambiente musicale e cinematografico italiano e l’etichetta del disco di de André.

L’evento nasce proprio per illustrare un Libro che parla, non solo di una importante figura del panorama internazionale della musica e del suo periodo, ma anche per mostrare come, in quel medesimo tempo, il mondo delle arti, dalla musica alla televisione, dalla pittura alla grafica alla pubblicità rappresentavano Un’unica espressione artistica in continua contaminazione.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi