Home > LE STANZE > Federico Di Bisceglie > Un turismo consapevole si può: Destination Personality ne è la prova

Un turismo consapevole si può: Destination Personality ne è la prova

futuro

Troppo spesso ci si sente poco soddisfatti di una meta turistica, o semplicemente non là si riconosce adatta alle aspettative che si erano create. Le piattaforme atte a formire le indicazioni utili e i vari blog in rete frequentemente non sono del tutto attendibili e soprattutto si basano su giudizi espressi da singoli utenti, che inevitabilmente risultano disomogenei e talvolta radicalmente differenti. Ma forse la svolta è arrivata. È stato recentemente avviato un progetto di collaborazione fra l’Universita di Bergamo, affiancate dall’azienda italo-irlandese B-smark con sede a Dublino,che è a dir poco innovativo e che se portato a termine potrà davvero risultare estremamente utile e funzionale ai fini del miglioramento dei servizi offerti nel settore turistico. “Destination Personality” è uno strumento, che si serve delle tecnologie Mysmark (frutto della ricerca e sviluppo B-Smark),ed ha come finalità quella di fornire degli elementi di valutazione emozionale, quindi sostanziali, ai fini della scelta di una destinazione turistica da parte di potenziali utenti. Questa iniziativa è stata elaborata sulla base di una mappatura che ha raccolto le opinioni di quasi 3000 utenti, i quali, sotto forma di test-intervista hanno avuto modo di esprimere il loro giudizio sulla base di criteri precedentemente elaborati. L’idea per relizzare questa nuova “piattaforma” nasce al Guinness Enterprice Center di Dublino, all’interno del quale opera un team di giovani imprenditori italiani, che giorno per giorno portano avanti con grande forza di volontà nuovi progetti. In Irlanda l’ente finanziatore di questa iniziativa è stato il Tourism Ireland, che ogni anno investe numerosissime risorse sui progetti che vengono proposti, e sarebbe interessante che anche in Italia, venisse accolta la proposta di “Destination Personality” per fornire una volta per tutto uno strumento efficace e funzionale ad un turismo consapevole e personalizzato. Ci si sente sempre ripetere che l’Italia è il paese in assoluto al mondo ha il maggior numero di siti d’interesse culturale molto spesso tutelati dall’UNESCO e quindi considerati patrimonio dell’umanità. Ma la vera chiave di volta è riuscire a sfruttare la cultura, il turismo nel giusto modo e nella totalità delle sue forme. Destination Personality potrebbe essere un buon inizio.

Come è strutturato lo studio:

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi