Home > COMUNICATI STAMPA > Un ventennale rosso fuoco per la Feltrinelli di Ferrara tra la prima nazionale di Alessandro Baricco e l’inchiesta Denis Bergamini

Un ventennale rosso fuoco per la Feltrinelli di Ferrara tra la prima nazionale di Alessandro Baricco e l’inchiesta Denis Bergamini

Tempo di lettura: 3 minuti

da: ufficio stampa “Gruppo del Tasso”

La città degli Estensi, venerdì 21, alle 21, consegnerà il Premio “Torquato Tasso” per l’impresa letteraria ad Alessandro Baricco, con la stretta di mano del sindaco Tiziano Tagliani al Teatro Boldini. I vent’anni di Novecento inaugureranno la tradizione culturale di un nuovo riconoscimento cittadino, nato tra il Comune di Ferrara e l’Associazione “Gruppo del Tasso”. Dall’idea di Matteo Bianchi, direttore artistico della manifestazione, il Premio si propone ogni biennio di dare luce alla penna italiana più meritevole. A seguire, in anteprima nazionale, lo scrittore torinese presenterà l’attesissimo Smith&Wesson (Feltrinelli), insieme al giovane talento Martino Gozzi. Madrina della serata sarà Erika Cusinatti, direttrice del punto vendita ferrarese, che accoglierà il pubblico. Alessandro Baricco, per dimostrare la sua fiducia nel futuro della scrittura, farà proiettare alle sue spalle i “salti” più incisivi che i lettori hanno postato sulla pagina Facebook dell’evento – https://www.facebook.com/events/625458054229932/?ref=ts&fref=ts – I salti metaforici per maturare realizzando ciò in cui si crede, alla maniera di Rachel Green, la protagonista 23enne della pièce teatrale.

«Adesso so che quel giorno Novecento aveva deciso di sedersi davanti ai tasti bianchi e neri della sua vita e di iniziare a suonare una musica assurda e geniale, complicata ma bella, la più grande di tutte. E che su quella musica avrebbe ballato quel che rimaneva dei suoi anni. E che mai più sarebbe stato infelice».
Alessandro Baricco

Alle 17.30, da non perdere, un altro appuntamento direttamente in libreria, dove il giornalista Alessandro Mastroluca illustrerà Denis Bergamini, la panoramica pubblicata di recente da Castelvecchi. Con l’autore dialogheranno l’assessore allo Sport Simone Merli e l’avvocato Fabio Anselmo. Chi era davvero Donato “Denis” Bergamini? E soprattutto, perché è morto? A 25 anni dalla sua scomparsa, queste domande non hanno ancora trovato risposta. Il libro ripercorre tutti gli aspetti della prima inchiesta e della nuova indagine, ricostruisce il racconto dei testimoni sentiti nel 1990 e dei compagni di squadra del calciatore, nonché le ultime interpretazioni emerse. Ripercorre tutte le possibili dinamiche, i possibili moventi emersi nel tempo dai quotidiani e le soffiate anonime, dal giro di droga alle partite truccate fino alla tragedia per motivi passionali. Una sguardo obiettivo e dettagliato che mette insieme le sfaccettature di una storia tuttora incompresa. Una storia sbagliata.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi