Home > COMUNICATI STAMPA > Una partita di calcio “Oltre i confini”, per dire no alle discriminazioni razziali

Una partita di calcio “Oltre i confini”, per dire no alle discriminazioni razziali

Tempo di lettura: 3 minuti

da: ufficio stampa Comune di Comacchio

Lo sport e la musica sono linguaggi universali, ma sono anche strumenti di aggregazione oltre tutti i confini ed è proprio con lo scopo di unire giovani di nazionalità differenti che, giovedì 19 marzo si disputerà, alle ore 15:30 nel campo sportivo “Raibosola”, una partita di calcio tra giovani sportivi comacchiesi e stranieri.

“Oltre i confini” è il nome dell’iniziativa di grande valenza simbolica, promossa in concomitanza con la settimana mondiale per l’eliminazione delle discriminazioni razziali. Gli Assessorati alla Pubblica Istruzione e ai Servizi Sociali, in collaborazione con l’Ufficio Nazionale antidiscriminazioni razziali, con la Regione Emilia Romagna, con la Cooperativa Sociale Camelot – Officine Cooperative , ed infine con l’ASP di Ferrara, la Polisportiva Magnavacca e con i Giovani Rossoblu, organizza pertanto una partita di calcio, simbolo di unione, ma anche di lotta contro i pregiudizi verso la straniero, allo scopo di diffondere un messaggio di amicizia tra i popoli, in nome del linguaggio universale dello sport.

La partita di calcio, ad ingresso libero, che sarà posticipata in caso di maltempo a giovedì 26 marzo, vedrà in campo dunque i giovani delle associazioni dilettantistiche sportive locali e quelli richiedenti asilo politico presenti sul territorio. Porteranno il saluto dell’Amministrazione Comunale il Sindaco Marco Fabbri, l’Assessore alle Politiche Sociali Sergio Provasi e l’Assessore alle Politiche Giovanili Alice Carli. L’evento è frutto della collaborazione dei vari attori e del mondo del volontariato e si inserisce a pieno titolo tra gli eventi sul territorio relativi alla settimana mondiale per l’eliminazione della discriminazioni razziali, come momento vivo, altamente partecipativo, soprattutto per la comunità, volto ad affrontare con maggiore consapevolezza il mondo di oggi.

Anna Occhi, coordinatrice di Camelot con i colleghi Leonardo Scarpa, Aurora Abbondanti e Guendalina Mantovani, promotori dell’evento sportivo, sono stati accolti ieri pomeriggio dalla Giunta Comunale, per la presentazione ufficiale del progetto, che si avvale del prezioso sostegno di altri giovani, tra i quali il video-maker Maurizio Cinti, curatore del video che sarà realizzato in campo con i giocatori e di Andrea Felletti e Felice Costanza del gruppo Facebook “Torretta”, pure loro impegnati a dar voce a chi vive sul territorio attraverso inchieste, che spaziano su temi di attualità, particolarmente cari alla popolazione locale.

Vi attendiamo numerosi sugli spalti del campo sportivo “Raibosola” per assistere alla partita “Oltre i confini”. Per informazioni: Ufficio Pubblica Istruzione -Dott.ssa Giorgia Mezzogori (al centro in foto con gli altri giovani), tel. 0533/318703 ed email: giorgia.mezzogori@comune.comacchio.fe.it

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi