Home > COMUNICATI STAMPA > Uncai all’Agrilevante di Bari per fare il punto sui Piani di Sviluppo Rurale

Uncai all’Agrilevante di Bari per fare il punto sui Piani di Sviluppo Rurale

Tempo di lettura: 3 minuti

da: Ufficio Stampa Uncai

Il presidente dell’Unione Nazionale Contoterzisti Tassinari: “Agricoltori e agromeccanici sempre più in rete per un’agricoltura moderna e competitiva”

Da Agrilevante indicazioni e conferme importanti per i contoterzisti. Il presidente Uncai – Unione Nazionale Contoterzisti Agromeccanici e Industriali Aproniano Tassinari, lo scorso fine settimana a Bari in occasione della rassegna biennale dedicata alle macchine e alla tecnologia per l’agricoltura, fa il punto sui Psr regionali e sugli sviluppi dell’agricoltura nazionale.
“Nel corso dei numerosi incontri dedicati ai Piani di Sviluppo Rurale abbiamo avuto la conferma che se da un lato i Psr 2014-2020 prevedono con chiarezza misure dirette a incentivare un nuovo modo di fare agricoltura, più eco-compatibile, efficiente e redditizio del passato, è altresì confermata la necessità di proseguire nel segno delle reti di impresa tra contoterzisti e aziende agricole, così come sono state immaginate e realizzate da Uncai e Confagricoltura. Al contrario, altre strade, che prevedano reciproche invasioni di campo, rappresentano ostacoli lungo il cammino che deve condurre tutto il comparto verso l’introduzione di pratiche agronomiche che possano coniugare efficienza e redditività nel rispetto del suolo e del clima”.
Agricoltori e contoterzisti, ognuno a casa sua ma per collaborare, prosegue Aproniano Tassinari: “Soprattutto in un paese come l’Italia, dove ancora manca una legge specifica volta al contenimento del consumo di suolo, presente invece in altri paesi europei come Germania, Francia e Gran Bretagna, la collaborazione tra le due categorie è strategica per garantire un’adeguata rimuneratività alle aziende agricole”.
Per contrastare l’erosione del suolo e il dissesto idrogeologico in collina e montagna e la perdita di coltivazioni a discapito delle città in pianura, oltre alla conversione in legge del ddl sul consumo del suolo dell’ex Ministro delle Politiche agricole e forestali Mario Catania, occorre diffondere le pratiche dell’agricoltura conservativa e di precisione, tagliando in questo modo sia le emissioni inquinanti, sia i costi di produzione. “Ma la rivoluzione agraria – conclude Aproniano Tassinari – passa attraverso azioni e impegni concreti, ossia dall’ammodernamento del parco macchine da parte delle imprese conto terzi, non delle imprese agricole, che hanno maggiore convenienza nell’investire i loro capitali nella stalla, nella ricerca varietale e nelle strategie organizzative e commerciali per raggiungere i mercati internazionali dove la qualità del made in Italy può essere adeguatamente apprezzata. Sotto questa luce, i sistemi di reti tra contoterzisti e agricoltori definiti da Uncai rappresentano il primo strumento da incentivare per favorire la riorganizzazione più funzionale ed efficace dei due più importanti anelli della filiera agricola italiana”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi