Home > ACCORDI - il brano della settimana > Un’idea strisciante sul tappeto

Un’idea strisciante sul tappeto

Mi trovavo nei sotterranei e camminavo titubante. Non ero sicuro di quello che vedevo: vedevo strani individui striscianti sull’enorme tappeto rosso sottostante, non si curavano di me e strisciavano verso la pesante porta in fondo al corridoio, ma io ero più veloce e arrivai prima di loro.

Arrivai alla porta e la spinsi con grande sforzo fino ad aprirla completamente, così vidi davanti a me volare, saltare e strisciare creature bizzarre che mi ignoravano, le vedevo come in un film, ma erano tutte intorno a me e mi ignoravano come fossi invisibile!

Era un sogno? Era solo immaginazione?
E se fosse solo un’idea strampalata nella mia testa?

Eppure non era il Regno del Bianconiglio, e nemmeno il Palazzo dei Goblin, avevo già visitato quei posti. Questo era diverso, forse mi trovavo soltanto sotto il mio letto, sopra il mio tappeto, a un milione di miglia da casa…

La musica, questa musica, crea le immagini e le fa muovere tutt’intorno. Non mi resta che osservare e oscillare tra le note e le parole, nella brezza leggera e potente di Carpet Crowlers…

Carpet Crowlers (Genesis, 1974)

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Aspettando la notte
Ricciole per lanterne
Sabbia nelle scarpe
Rosa d’autunno

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi