Home > COMUNICATI STAMPA > Unife A Toronto Simposio sulla Patologia disfunzionale della Articolazione Sacro-Iliaca

Unife A Toronto Simposio sulla Patologia disfunzionale della Articolazione Sacro-Iliaca

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Comunicazione Istituzionale e Digitale Unife Ufficio Stampa
Nasce dall’organizzazione dell’Università di Ferrara, nello specifico del Prof. Leo Massari, Direttore della Clinica Ortopedica e Traumatologica, il Simposio sul “Ruolo della Sacro-Iliaca nel Mal di Schiena”, che si è tenuto dal 15 al 18 maggio nell’ambito del “Global Spine Congress 2019” a Toronto.
Sono più di 1800 i chirurghi vertebrali di tutto il mondo che hanno partecipato al congresso annuale dell’Associazione scientifica AOSPINE, che riunisce chirurghi spinali a livello internazionale e che organizza anche numerosi Corsi sulle problematiche della Chirurgia Vertebrale in vari Paesi.
Proprio in questo contesto si è svolto il Simposio organizzato dal Prof. Massari, che ha visto riuniti i massimi esperti mondiali della patologia disfunzionale della Articolazione Sacro-Iliaca.

“Questa patologia è ancora poco conosciuta nel nostro ambito – spiega il Prof. Massari – ma sta riscuotendo sempre più interesse in quanto fonte di disabilità e, purtroppo, di inadeguati o inappropriati trattamenti sia conservativi (farmacologici/fisioterapici), sia chirurgici. Le casistiche maggiori presenti in Letteratura vedono una incidenza di questa patologia nel 15-25% dei pazienti con mal di schiena e nel 30-40% dei pazienti dopo interventi chirurgici di artrodesi vertebrali lombari e lombo-sacrali. Lo studio diagnostico accurato e il conseguente trattamento di questa patologia possono portare alla risoluzione dei problemi clinici, attraverso la corretta impostazione terapeutica nella quale un ruolo importante è appannaggio della chirurgia miniinvasiva. Da circa 3 anni mi occupo, con sempre maggiore interesse e soddisfazione, della Patologia Disfunzionale della Sacro-iliaca e del suo trattamento, con ottimi risultati clinici e chirurgici relativamente al miglioramento della qualità della vita di questi pazienti”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi