Home > COMUNICATI STAMPA > Università, Bonaccini inaugura a Modena la nuova sede dei Dipartimenti di Scienze Chimiche e Geologiche e di Scienze della Vita

Università, Bonaccini inaugura a Modena la nuova sede dei Dipartimenti di Scienze Chimiche e Geologiche e di Scienze della Vita

Tempo di lettura: 3 minuti

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia-Romagna

Il presidente: “Per competere con i territori più avanzati d’Europa e del mondo occorre puntare sulla qualità. Imprescindibile l’apporto dell’Università e dei centri di ricerca”

Taglio del nastro, questa mattina a Modena, della nuova sede dei Dipartimenti di Scienze Chimiche e Geologiche e di Scienze della Vita dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia (Unimore), con la partecipazione del presidente della Regione Stefano Bonaccini.
“Mai come in questo periodo il tema della ricerca e dell’innovazione è di vitale importanza – ha sottolineato Bonaccini – per una Regione come la nostra, che ha un sistema produttivo che per competere con i territori più avanzati d’Europa e del mondo ha bisogno di puntare decisamente sulla qualità. In quest’ottica è imprescindibile l’apporto dell’Università e dei centri di ricerca”. Bonaccini ha poi ricordato l’impegno della Regione al World Food Research and Innovation Forum, in programma domani e dopodomani (22 e 23 settembre) ad Expo Milano: “Sfamare nel 2050 nove miliardi di persone, questa è la sfida che ci attende. Garantendo però – ha ribadito il presidente – che l’aumento di produzione di cibo sia coniugata alla la sostenibilità ambientale, nel pieno rispetto del pianeta. Per raggiungere questi obiettivi occorre mettere in rete sapere, risorse tecnologiche e innovazione: ecco l’impegno che ci tiene uniti, per andare insieme verso un futuro di qualità”.

La nuova sede dei Dipartimenti a Modena, in sintesi:
L’edificio (costo complessivo dell’opera, circa 35 milioni di euro), fra via Campi e via Braghiroli, si sviluppa su una superficie netta di più di 12mila metri quadri, e può ospitare un considerevole numero di persone (oltre 2400 quelle che indicativamente frequentano i nuovi spazi), aule, laboratori e aree per lo studio. Si accede all’interno dalla piazza rialzata al primo piano; al piano seminterrato, ci sono un open space per una novantina di studenti, le aule specialistiche di Scienze della Terra, depositi e spogliatoi. Al primo piano il front-office, l’amministrazione, alcuni studi del Dipartimento di Chimica e una parte dei laboratori didattici. Al secondo piano sono collocati gli studi di Scienze della Vita, i rimanenti studi di Chimica e piccoli studi per 6-8 postazioni per specializzandi e dottorandi. Al terzo piano si trovano invece i laboratori di ricerca di Scienze della Vita e di Chimica; completa la struttura il piano tecnico. Grande attenzione, nella redazione del progetto dell’intero edificio, è andata agli “accorgimenti” per il contenimento dei consumi. Previsti anche impianti per lo sfruttamento delle risorse energetiche: saranno presenti sia pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria che pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica. L’edificio stato è concepito per poter funzionare durante buona parte della stagione calda senza l’utilizzo dell’aria condizionata, grazie alle prestazioni dell’isolamento termico.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi