Home > COMUNICATI STAMPA > Variazione al bilancio 2016, più fondi da Stato e Ue: 7,5 milioni per i territori

Variazione al bilancio 2016, più fondi da Stato e Ue: 7,5 milioni per i territori

Tempo di lettura: 2 minuti

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia-Romagna

Fra gli interventi finanziati, 4 milioni per la bonifica del sito inquinato di Fidenza (Pr) e 1,5 milioni per le politiche giovanili e la formazione in azienda. Nella manovra anche 450 mila euro al Comune di Reggio Emilia per il processo Aemilia e 700mila euro per la manutenzione stradale. Modificata la ripartizione dei fondi Por-Fesr. Petitti in commissione: “Rimodulate le risorse per dare risposta ad esigenze concrete emerse nel primo trimestre dell’anno”.

Bologna – Nuove risorse per i territori, grazie a maggiori trasferimenti dallo Stato e dall’Unione europea. Si tratta di 7,5 milioni di euro, inseriti nel progetto di legge sulla prima variazione al bilancio 2016 della Regione, di cui ha parlato oggi l’assessore Emma Petitti in I commissione assembleare. I fondi saranno destinati alla bonifica del sito inquinato di Fidenza (4 milioni), nel parmense, agli interventi in favore delle vittime della tratta di esseri umani (530 mila euro), ai contributi per i libri genealogici del bestiame nell’ambito della difesa fitosanitaria (1,5 milioni) e agli interventi per le politiche giovanili e le azioni formative aziendali (1,5 milioni).
Ad alcuni eventi ritenuti improrogabili vengono poi destinate risorse che sono compensate all’interno delle assegnazioni di bilancio. Le principali riguardano la manutenzione stradale (700 mila euro), il contributo straordinario al Comune di Reggio Emilia per il processo Aemilia (450 mila), il contributo al Museo internazionale delle Ceramiche di Faenza (50 mila).
Nella variazione di bilancio viene inoltre recepita la modifica della ripartizione delle risorse derivanti da fondi europei (Por-Fesr) nel corso del triennio 2016-2018. E questo per rispondere alle esigenze emerse nel corso del primo trimestre di quest’anno, con particolare riferimento alle nuove scadenze fissate nei bandi, grazie ai quali sarà possibile accedere ai fondi europei. Le risorse a bilancio vengono quindi solo ripartire in modo diverso, mantenendo la stessa consistenza.
“E’ una operazione di natura prevalentemente tecnica- ha spiegato l’assessore Petitti- ma importante e necessaria per rispondere positivamente alle necessità emerse in questo primo scorcio dell’anno. E su questo la Giunta vuole essere tempestiva nell’adottare le variazioni che si rendono necessarie”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi