Home > COMUNICATI STAMPA > Venerdì 19/4 A Sound’s A Million Shapes, progetto fresco di stampa della cantante Alessia Obino, chiude Ladies In Mercedes

Venerdì 19/4 A Sound’s A Million Shapes, progetto fresco di stampa della cantante Alessia Obino, chiude Ladies In Mercedes

Da: Ufficio Stampa Jazz Club Ferrara
Venerdì 19 aprile (ore 21.30) chiude Ladies In Mercedes, rassegna nella rassegna dedicata a vocalità e creatività femminili, Alessia Obino con il suo A Sound’s A Million Shapes, progetto fresco di stampa in cui la musica trae ispirazione dalle composizioni di alcuni personaggi rappresentativi della scena jazz e soul degli anni ’70. A spalleggiare la creativa jazz singer troviamo fior fiore di protagonisti della scena jazz nazionale quali Federico Pierantoni al trombone, Piero Bittolo Bon ai sassofoni, flauti ed elettronica, Giancarlo Bianchetti alla chitarra, Stefano Dallaporta al basso elettrico e Marco Frattini alla batteria.
Alla rilettura di brani celebri si mescolano composizioni originali dal sapore visionario dove jazz, libera improvvisazione, rock e soul sconfinano l’uno nell’altro per restituire un suono eterogeneo che costituisce la cifra stilistica del gruppo coadiuvato, in alcuni brani, da un coro formato da Sara Simionato, Francesca Della Puppa, Luisa Torresan, Alice Busato e Giovanna Castellaro.
Di solida formazione accademica, Alessia Obino è cantante, compositrice e arrangiatrice. Il talento unito a spiccata versatilità le hanno permesso di calcare in breve tempo i palcoscenici di numerosi festival e prestigiose manifestazioni. La Obino vanta altresì numerose collaborazioni con musicisti del calibro di Elliott Sharp, Markus Stockhausen, Javier Girotto, Peter Churchill e Gilad Atzmon solo per citarne alcuni.
“Echoes” (Caligola Records, 2009) è il suo primo album da leader. Più recente è invece “Deep Changes”, a nome del progetto CORdas, in cui “la musicista esplora alcuni percorsi della musica afroamericana e americana in genere conficcando per bene dita e piedi nella terra, ritrovando un contatto con pratiche e forme anche delle origini, per andare dritto al cuore dell’espressione musicale”. 

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi