Home > COMUNICATI STAMPA > “Venti buone regioni… per sorridere ancora” di Marco Bottoni

“Venti buone regioni… per sorridere ancora” di Marco Bottoni

Tempo di lettura: 3 minuti

da: Festina Lente Edizioni

Un’ esilarante giro d’Italia, regione per regione, dalla A alla V

“Il fatto è che più nessuno studia la geografia”.
Marco Bottoni, medico e scrittore con numerose pubblicazioni all’attivo, si lamenta così nella presentazione della sua ultima fatica letteraria.
“Ai miei tempi – continua – lo studio di regioni e province d’Italia con i relativi capoluoghi, nonché di mari, fiumi, laghi (immissari ed emissari compresi) costituiva un imprescindibile caposaldo del sapere, fino dalle scuole elementari, ma i ragazzi di oggi non conoscono più la geografia dell’Italia”. Così, quasi a cercare di riempire un vuoto, Bottoni consegna alle stampe ben venti racconti che Festina Lente Edizioni raccoglie in un volume intitolato “Venti buone regioni… per sorridere ancora”. E il sorriso è assicurato, visto che si tratta di racconti di genere umoristico, ognuno dei quali è, se non esplicitamente ambientato, almeno in qualche modo legato a una delle venti regioni italiane.
Il lettore viene accompagnato, in un insolito e divertente viaggio, a incontrare i protagonisti dei racconti e a scoprire nelle loro storie, sapientemente illustrate dal bravo Biagio Panzani, l’autentico spirito padano del “lumbard” e il non meno famoso spirito etilico del veneto, la proverbiale tirchieria del ligure e l’ideale filosofico di vita che è proprio del campano.
La geografia, si sa, è considerata dai più materia inutile e noiosa, ma accostarsi a questo libro può renderla un po’ meno ostica, e mettersi a leggerlo può farla diventare, se non avvincente, almeno divertente.
Non si tratta di una guida né di un atlante geografico, e il lettore non troverà, nelle 200 pagine (tutte di facile e godibilissima lettura) indicazioni stradali o itinerari consigliati. Non risposte a quesiti precisi, ma piuttosto l’assonanza, perfetta a livello umoristico, con la famosa domanda di Totò: “Per andare dove vogliamo andare, per dove dobbiamo andare?”
Con “Venti buone regioni… per sorridere ancora”, ognuno potrà andare dove vuole, anche senza usare il navigatore satellitare: in Abruzzo a sorridere di Saverio e dei suoi conigli, in Basilicata a ridere (anche se non starebbe bene) delle disgrazie di Aldo Mario; in Calabria a misurarsi con la diabolica intelligenza di Vincenzo e nelle Marche a conoscere un sindaco appassionato di pesca e poi in giro per una Italia fotografata per istantanee, passando da un racconto breve e fulminante a una storia che sembra non dovere finire mai.
Al lettore basterà girare le pagine una dopo l’altra e andare avanti così, via leggendo ma, più di tutto, via ridendo, perché se è vero che “fa buon sangue”, il riso che si miete a pieni occhi in questi venti racconti non abbonda solo in Piemonte, ma anche in Umbria, in Puglia, in Trentino, in Sicilia, in Sardegna…

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi