Home > INTERVENTI > Vergognosa cancellazione di Hamas dalla lista nera delle organizzazioni terroristiche

Vergognosa cancellazione di Hamas dalla lista nera delle organizzazioni terroristiche

Tempo di lettura: 4 minuti

Ciò che è avvenuto alla Corte Europea mi ha schifata anche se non era inaspettata la rimozione di Hamas dalla lista nera delle organizzazioni terroristiche… si respirava nell’aria da tempo. Chi legge si chiederà il perché di questa mia affermazione, perciò è doveroso spiegare il motivo per cui, secondo la sottoscritta, era già tutto stabilito. La tendenza della sinistra, sempre più prona ai voleri dei musulmani, ha costruito un Europa di ignoranti e menefreghisti che votano a favore senza, per esempio, aver mai letto lo statuto del loro “amato” Hamas. Sarebbe bastato prenderne visione, soprattutto per quanto riguarda l’art. 7: ” L’ ultimo Giorno non verrà finché tutti i musulmani non combatteranno contro gli ebrei e i musulmani non li uccideranno, e fino a quando gli ebrei si nasconderanno dietro una pietra o un albero, e la pietra e l’albero diranno: O musulmano, o servo di Allah, c’è un ebreo nascosto dietro di me, vieni e uccidilo…”. Oltre a questo vi è la certezza assoluta che il terrorista in questione, non vuole uno Stato palestinese: vuole esclusivamente la distruzione dello Stato israeliano! Si toglie dalla lista nera un terrorista che vuole la distruzione dell’unico Stato democratico di tutto il medio oriente! Andategli a spiegare che dovrà togliersi la “gioia” di lanciare missili su Israele poiché sarebbe un attacco ad un altro Stato il quale sarà liberissimo di difendersi e allora… Spiegategli che non potrà più “piangere” di fronte al mondo intero che i “cattivoni” israeliani avranno osato difendersi. Spiegateglielo bene, anche se sono convinta che qualcuno dovrebbe spiegarlo prima di tutto a voi…

Il mio profondo disgusto, accompagnato dalla certezza che non poteva andare diversamente, mi ha fatto ricordare un fatto vergognoso sulla politica italiana, e per essere ancor più precisi, oserei dire UNO dei fatti vergognosi: l’intervista rilasciata dall’ex Presidente della Repubblica italiana, Francesco Cossiga, che, molto probabilmente, ha inteso “liberarsi” la coscienza prima di morire, il 3 ottobre 2008 al quotidiano israeliano Yediot Aharonot, abilmente censurata da tutti i mass media italiani. Il titolo, dice tutto: “Ebrei italiani, vi abbiamo venduto”. Vere o false che siano le parole di Cossiga, egli avrebbe dichiarato che l’allora presidente del consiglio Aldo Moro, ucciso dalle brigate rosse e che naturalmente non più in grado di difendersi, avrebbe firmato l’accordo segreto (Lodo Moro), in cui i servizi segreti avrebbero obbedito tacitamente e… gli ebrei sono stati uccisi in attentati terroristici in Italia: l’attacco alla Sinagoga di Roma dove perse la vita un bimbo di appena due anni, la strage di Fiumicino ecc… Quell’accordo, stipulato negli anni ’70 dove i terroristi erano tutelati dal “Lodo Moro” e dove l’Italia NON si sarebbe intromessa negli affari palestinesi, dove si parla di armi sovietiche da far circolare nel nostro Paese e che in cambio i palestinesi non avrebbero colpito obiettivi italiani (dove la mettiamo la strage di Bologna?), per poi scoprire che gli ebrei italiani venivano esclusi da questo “contratto”: potevano essere uccisi come infatti avvenne. Come mai questa infamia? Il patto criminale con Arafat escludeva tutti i cittadini italiani di religione ebraica!
Dare tutta la responsabilità ad Aldo Moro è stato, a parer mio, un grosso passo falso poiché allo stesso Cossiga gli si avrebbe dovuto ricordare la sua responsabilità nell’aver nascosto a casa sua, Arafat, ricercato dalla polizia italiana per l’abbattimento di un aereo militare ed altre cosucce…
A questo punto, vere o false che siano state le “confessioni” di Cossiga, sorge spontanea una riflessione: L’Italia, ormai martoriata e derubata di tutto e di più, quando smetterà di rappresentare un “pupazzo” nelle mani del terrorismo? Sono in attesa di assistere anche alla premiazione dell’Isis… Che ci stiano pensando?

Laura Rossi (Italia-Israele)

Commenta

Ti potrebbe interessare:
BUFALE & BUGIE
11 settembre, il complotto dei media
LA SCOMODITA’ DI ISRAELE
Oren Krimchansky: frammenti di esperienze di viaggio
israele-palestina
L’INTERVENTO
Criticare la politica israeliana non significa essere antisemiti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi