Home > STORIE > ALTRI SGUARDI > Via degli Sgarbi :
per una nuova guida di Ferrara

Via degli Sgarbi :
per una nuova guida di Ferrara

Tempo di lettura: 2 minuti

Ferrara, 6 ottobre 2023

“Ferara, stazione di Ferara”, dice l’altoparlante. Fuori, un signore appena arrivato col treno, chiede un’informazione ad un passante.
Signore: “Mi scusi, potrebbe indicarmi la strada per andare in Municipio?”
Passante: “Certamente. Lei prosegua dritto fino all’incrocio con via Adolfo Itleri, poi al semaforo prenda a destra per Contrada del Manganello.
A quel punto vedrà il parco-giochi Erode il Grande, quello recintato e senza panchine; lei prosegua sulla sua destra fino a piazzale Benito da Predappio.
Una volta lì, noterà una vecchia biblioteca dedicata a Gianni Rodari che ora è diventata un’armeria; la superi e poi vada a destra per vicolo del Crocifisso Ostentato.
In fondo, svolti ancora a destra per via Italo Balbo fino a che si troverà in Largo dei Fasci Littori.
Da quel punto dovrebbe vedere il Castello Estivo, dove vivevano gli Este d’Estate.
Continui, attraversi il Ponte dell’Impero, cammini su via della Croce Celtica e, una volta in fondo, giri a destra in via Feldmaresciallo Rommel.
Dopo pochi metri, sarà arrivato in Municipio.
Una volta lì, le consiglio di visitare la mostra BIMBA, BAMBA, BUMBA & BOMBA. Sottotitolo: Se sei ubriaca sei in parte responsabile dello stupro; è  dedicata all’esaltazione della donna elegante, sempre in camicia nera, vista come angelo del focolare ed una condanna alla femmina (bimba) drogata (bamba) e ubriaca (bumba) che cerca di farsi stuprare per poi far scoppiare il caso mediatico (bomba) e rubare i soldi agli uomini per bene.”
Signore: “Grazie mille, è stato gentilissimo. Non conosco nessuna di queste vie ma ricordo che in centro c’erano Corso Martiri della Libertà e via delle Volte. Ci sono ancora?”
Passante: “Purtroppo no, gli hanno cambiato nome. Sa, delle Volte  penso che se fossi nei panni dei Martiri anche io avrei Corso lontano da qui per cercare un po’ di Libertà”
Nel frattempo, vicino alla vecchia altalena rotta del parco del grattacielo, un bambino saltella da solo, cantando una filastrocca:
Ferrara, Ferrara, che bella città
si mangia, si beve, l’amore si fa.
Ferrara, Ferrara, la nebbia dov’è?
Guardaci bene: è lì dentro di te.
Ferrara, Ferrara, tu dimmi però
meritiamo davvero questa popò?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi