Home > COMUNICATI STAMPA > Vietate le bevande in contenitori di vetro e lattine per “Comacchio Summer Fest” e la “Festa della Madonna del Mare”

Vietate le bevande in contenitori di vetro e lattine per “Comacchio Summer Fest” e la “Festa della Madonna del Mare”

Tempo di lettura: 2 minuti

da: ufficio stampa Comune di Comacchio

Il Sindaco Marco Fabbri ha adottato l’Ordinanza contingibile ed urgente n° 18/2014, con cui si dispone il divieto di vendita per asporto di bevande ed il consumo in contenitori di vetro ed in lattine, in tutto il centro abitato di Porto Garibaldi, limitatamente al periodo di svolgimento dell’evento “Comacchio Summer Fest” e durante la ricorrenza della “Festa della Madonna del Mare”. Poichè i contenitori di bevande bevute per asporto, di sovente, vengono abbandonati in spregio dei luoghi, comportando anche rischi per residenti e passanti, con particolare riferimento al vetro, si è ravvisata la necessità di prevenire comportamenti in grado di pregiudicare la pubblica incolumità ed il decoro ambientale. L’ordinanza adottata dal Sindaco ai sensi dell’articolo 54, comma IV del D. Lgs. 267/2000 e della Legge 125/2008, dispone il divieto di vendere per asporto tutte le bevande in contenitori di vetro ed in lattina per i titolari di pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, di attività commerciali di vendita, compresa la vendita con distributori automatici, di attività artigianali operanti nel settore alimentare (gastronomie, rosticcerie, pizzerie e piadinerie), circoli privati e attività commerciali ubicati nel centro abitato di Porto Garibaldi . Altrettanto è vietato il consumo di bevande in contenitori di vetro e in lattina, al fine di evitare l’abbandono generalizzato e diffuso degli stessi, con grave pregiudizio per il decoro urbano e l’incolumità pubblica. Il divieto scatta dalle ore 21 del 31 maggio 2014 sino alle ore 6 del 1° giugno e dalle ore 21 del 1° giugno alle ore 6 del 2 giugno 2014. Le violazioni all’Ordinanza sindacale in questione saranno punite con la sanzione amministrativa pecuniaria in misura ridotta pari a 100 euro. Si precisa che le disposizioni elencate nell’ordinanza in questione non si applicano a coloro i quali consumano bevande e alimenti nei locali e nelle rispettive aree di pertinenza autorizzate degli stessi locali

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi