COMUNICATI STAMPA
Home > INTERVISTE > ALTRI SGUARDI > Vincenzo e la sua Betty Boop
Ritratto di un grande giornalista e inedito artista

Vincenzo e la sua Betty Boop
Ritratto di un grande giornalista e inedito artista

Tempo di lettura: 4 minuti

Vincenzo Mollica, giornalista famoso, scrittore di molte edizioni di successo, fantastico disegnatore e creatore del Boopismo.

Vincenzo Mollica, uno dei giornalisti più conosciuti in tutto il mondo, modenese di nascita, vive a Roma, in pensione ufficialmente dal 29 febbraio 2020 dopo 40 anni al Tg1. Non ha mai perso la sua buona dose di ironia, anche di fronte alla degenerazione della vista e al Parkinson, “perché oggi il Parkinson balla il Rock&Roll”, come ha detto al direttore Carboni mentre gli reggeva il microfono durante i saluti e i ringraziamenti alla Rai e ai colleghi; anche “ai figli di mignotta”, sempre fedele ai suggerimenti dell’amico Federico Fellini: “Vincenzo, non sbagliare mai il tempo di un addio o di un vaffanculo”.

Non è solo uno dei più importanti giornalisti della Rai, dove si è sempre occupato di spettacolo, cinema, musica e fumetto, ma da oltre trent’anni è anche un eccellente disegnatore fumettista con la grande passione per l’arte contemporanea. La sua arte, rivisitata in chiave fantastica e con una buona dose di ironia, ha come musa ispiratrice Betty Boop, cartoons/femme fatale vissuta tra il 1931 ed il 1939.
Betty Boop è un celebre personaggio del mondo dell’animazione, nato negli anni ’30 e considerato primo cartone erotico. Betty è una ragazza alla moda con il taglio dei capelli corti e frangetta nerissimi, indossa vestitini succinti che lasciano poco spazio alla fantasia. Data la morale del tempo, venne considerata talmente troppo sexy da richiedere un intervento drastico: iniziò così a fare le faccende domestiche e ad accudire animali, sostituendo la mitica mise con abiti castigati. Oggi Betty Boop è un fenomeno di costume, con magliette, borse, orecchini etc e innumerevoli altri gadget con la sua effigie.

“Non saprei dire quando sia apparsa per la prima volta nel mio cervello la parola boopismo” racconta Vincenzo Mollica. “Sicuramente è stata una sorpresa, un qualcosa che ha attraversato la mia mente. Col passare del tempo mi ci sono affezionato e l’ho coltivato come una pianticella, mi sono fatto travolgere dai vaneggiamenti che suggeriva, che cominciarono così….Il boopismo, pur appartenendo a pieno titolo alla categoria delle avanguardie storiche del Novecento, non è mai stato delimitato come movimento artistico, nessuno è riuscito a stabilirne i confini. E’ durata dieci anni questa mia ricerca inseguendo indizi di un movimento artistico che per la sua storia ufficiale non è mai esistito. Tutto è iniziato una notte di marzo in cui nacque mia figlia Caterina, fantasticando su quali immagini giocose avrebbero potuto accompagnare l’avvio della sua vita”.
Nel corso di questa avventura Vincenzo Mollica ha incontrato alcuni amici che hanno voluto testimoniare l’incontro tra l’artista e la fede boopista. Gli scritti di Francesco De Gregori, Pablo Echaurren, Milo Manara sono da considerarsi come vere perizie sulla sua bizzarria.

La modestia del carattere di Vincenzo e la totale negazione per le luci della ribalta hanno fatto sì che tenesse per sé gelosamente, per moltissimi anni, questi stupendi disegni. Solamente nei primi anni ’90 si lasciò convincere a renderli pubblici. Fu proprio nel 1994 che ebbi l’onore di conoscere Vincenzo e le sue “Tracce di Boopismo”, partecipando come collaboratrice durante le prime fantastiche edizioni del suo Festival dell’Umorismo nell’Arte a Grottammare (Ascoli Piceno).
La sua timidezza venne finalmente sconfitta nel 2006, con una prima personale dei suoi fantastici disegni, “Scarabocchi senza fissa dimora”, ospitata presso il Complesso del Vittoriano a Roma. “Nei 53 anni che mi sono toccati finora ho disegnato a corrente alternata quando la vista e la fantasia me l’hanno consentito. Non ho mai vissuto il disegno come un esercizio, piuttosto come una merenda fuori programma”.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
MICROFESTIVAL DELLE STORIE
Lo scrittore ferrarese Lorenzo Mazzoni dialoga con Consuelo Pavani su ‘Nero ferrarese’
Libertà di pensiero
BUFALE & BUGIE
11 settembre, il complotto dei media
MICROFESTIVAL DELLE STORIE
A Polesella incontro con Giulia Cuter e Giulia Perona autrici di ‘Le ragazze stanno bene’

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi