Home > PARTITI & DINTORNI > Violenza sulle donne: va applicata ogni misura di tutela, partendo dalla legge codice rosso

Violenza sulle donne: va applicata ogni misura di tutela, partendo dalla legge codice rosso

Tempo di lettura: 3 minuti

Da: Forza Italia Ferrara

Omicidio Fusi, Peruffo: “Va applicata ogni misura di tutela delle donne, partendo dalla Legge Codice Rosso”

A fatti estremamente gravi, come quello dell’omicidio di Cinzia Fusi a Copparo, uccisa dal compagno, segue regolarmente lo sdegno dell’opinione pubblica e delle istituzioni, poi – purtroppo – l’eco mediatico si spegne e tutto torna come prima.

Lo Stato, gli Enti locali, la politica nel suo insieme hanno invece l’obbligo di adottare tutte le misure utili a prevenire il ripetersi di fatti anche solo simili a questo.

Come per altri fenomeni (dalle droghe, all’Hiv, passando per la non conoscenza dei metodi contraccettivi) è l’educazione impartita ai giovani dalla scuola la prima base su cui una società avanzata ha l’obbligo di focalizzarsi, investendo tempo, formazione e risorse.

Non va dimenticato, inoltre, che recentemente è stata approvata una Legge chiamata “Codice rosso” a tutela, in primis, delle donne vittime di violenza.
La Legge prevede, tra gli altri aspetti, un’accelerazione delle indagini nei casi di violenza domestica, visto il ripetersi di tali circostanze. I PM hanno l’obbligo di ascoltare chi ha presentato denuncia per maltrattamenti o violenza in famiglia, entro tre giorni dall’iscrizione della notizia di reato, da quando, cioè, persona si presenta presso una stazione di polizia o dei carabinieri.

Sono anche state inasprite le pene: se viene accerta una violenza, i responsabili sono condannati a una pena detentiva dai tre ai sette anni, aumentata fino al 50% se il fatto è avvenuto in presenza di un minore, di un disabile, di una donna incinta, o se l’aggressione è stata armata.
Al tempo stesso la Legge ha inasprito le pene per i casi di stalking, oltre a introdurre nuovi reati, quali quello di sfregiare qualcuno, deformandone l’aspetto, costringere una persona a sposarsi mediante violenza, o il cosiddetto revenge porn (uso di immagini di nudo della vittima per vendetta).
È ovvio che, malgrado il Legislatore abbia fatto la sua parte, c’è l’obbligo, non solo morale, di segnalare ogni possibile caso di violenza sulle persone deboli, come le donne, prima di assistere all’ennesima tragedia.
Così come ogni comune farebbe bene a investire una somma cospicua per i centri antiviolenza e, più in generale, per i servizi assistenziali, al fine di arginare sul nascere i casi di abuso e fornire un aiuto concreto alle vittime di questi episodi prima che sia troppo tardi.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi