Home > IL QUOTIDIANO > Voi (quelli delle privatizzazioni)
Tempo di lettura: 2 minuti

di Cristiano Mazzoni

Scusate una domanda, ma voi non eravate quelli del privato è bello? No, non mi sto riferendo ad una categoria in particolare, centrosinistra, centrodestra, oltre, mi riferisco proprio al 99% di voi. Lasciate stare quelli come me, fuori dal tempo, sconfitti per eccellenza, bastonati dalla storia, io parlo proprio del concetto di libera impresa applicato a tutto. Mi spiego meglio, non dicevate che il privato, al contrario del pubblico – fancazzista per eccellenza, statalista, corrotto – era la salvezza e che la libera impresa ci avrebbe salvato dal pubblico bolscevismo? Non dicevate questo? Non fingete, me le ricordo le vostre parole, più imprenditori, meno zavorre, la lungimiranza italiana, la voglia di fare, l’idea, la meritocrazia (degli altri). Ma privatizzando tutto, si privatizza pure la vita, la salute, il bene comune, la scuola. Non fate finta di non averle dette o pensate queste cose. Perché non c’entra un cazzo “allora il Pd”, il “privato è bello” è uno slogan elettorale di tutti, negli ultimi trenta e passa anni. Si pure di quelli che fingono di non avere mai governato quando lo hanno fatto per vent’anni avendo, con vari ministeri incidenti e molto spesso indecenti, firmato i decreti salva-questo e salva-quello.
La “culpa in eligendo” e “in vigilando” va estesa a pioggia all’intera classe politica italiana, passata, presente e forse futura. Nemmeno gli oltre sono immuni dall’attrattiva della bellezza del privato. Veramente, pochi e vituperati dinosauri, non la pensano come voi. Eppure dai, non ditemi che ci state ripensando, non diventatemi comunisti postumi. Azienda sanitaria locale, Azienda ospedaliera, Azienda dei rifiuti e dell’acqua, Azienda delle autostrade, delle ferrovie, Azienda scolastica, ed altre mille bellissime privatizzazioni. Berlusconi, D’Alema, Bossi, Bersani, Maroni, Renzi ed altra porcheria simile, l’hanno sventolata la bandiera che voi, ora criticate. Azienda = scopo di lucro, più guadagni = meno manutenzioni, più profitto = meno salari. Individuate per bene il vostro nemico e poi baciatevi in segreto.

Io rimango ciò che sono, mentre voi continuerete ad inneggiare al privato, per poi piangerne i danni e indignarvi a tragedia avvenuta.

 

Sullo stesso tema leggi anche: “L’abbaglio delle privatizzazioni e la fine della politica” di Sergio Gessi

Commenta

Ti potrebbe interessare:
caos, confusione, rumore
Libertà obbligatoria e tradimento della parola
sguardo bambina brasile
PRESTO DI MATTINA
Francesco, “pastore degli sguardi”
caro-sanita
GLI SPARI SOPRA
L’invenzione della Sanità Privata e il suo fottuto fallimento
Helgoland: l’isola che c’è ma non si vede

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi