Home > ACCORDI - il brano della settimana > Voilà mon greenpass
Tempo di lettura: 2 minuti

Una nuova settimana è iniziata, una nuova settimana in cui sentiremo parlare ancora di qualcosa di sorprendente: il green pass.
Questa parola entrata così di forza nel nostro vocabolario – traducibile in italiano come “passaverdure” – rimarrà con noi per molto tempo, c’è da scommetterci.

Tralasciando il deludente dibattito favorevoli/contrari, davvero di basso livello, mi stupisco che questa cosa non abbia ancora avuto ricadute sulla moda.

In fondo quando furono introdotti i pacchetti di sigarette stampati con raccapriccianti immagini atte a scoraggiare l’uso delle paglie, ben presto presso i tabaccai sbucarono dei pratici “copripacchetto” pensati per infilarci dentro proprio lui, il pacchetto.
Mi chiedo allora come mai non siano ancora comparsi dei pratici “portagreenpass”.

Perché è certamente vero che ormai siamo tutti smart – specie i fan del greenpass – ma: molte persone facenti parte della cosiddetta “terza età” non hanno uno smartphone e quindi si vedono costrette a stampare il loro greenpass presso le copisterie.
Questo porta poi spesso a rovinare il proprio greenpass in vari modi: utilizzandolo ai controlli, confrontandolo al bar con quello dei propri amici, giochicchiandoci a casa mentre si è intenti a rimirarlo.

È per questo che spero vivamente che la moda faccia il suo dovere, riportando in auge l’orologio da collo reso celebre dal mitico Flavor Flav dei Public Enemy fra fine anni ’80 e inizio anni ’90.

Un tale accessorio si presta davvero molto a essere riconvertito in un simpatico e ridanciano “portagreenpass”: basta infilare il proprio greenpass nel quadrante dell’orologio, sempre pronto all’uso ma con un tocco di giovialità.

Lancio dunque questo appello e spero che qualcuno lo ascolti provvedendo a una celere immissione sul mercato di quest’accessorio utile senz’altro ai non possessori di smartphone ma – perché no – anche a chi persino in tempi così tristi ha sempre a cuore il buonumore.
Buona settimana.

Welcome to the Terrordome – Terrormental (Public Enemy, 1990)

Commenta

Ti potrebbe interessare:
frattale complessità
Uscire dalla dualità giusto-sbagliato:
lo scontro sul green pass e la lezione della complessità.
Vulgar display of Powell
VOCI FEMMINISTE RADICALI CONTRO IL GREEN PASS E L’ATTACCO GENETICO AI CORPI
la Repubblica di Weimar

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi