Tempo di lettura: 2 minuti

racconto di Patrizia Benetti

Agostino costruisce aquiloni e li fa volare. Non è affatto facile. Ne perse uno in mare. Si ruppe il cavo. Troppo debole. Fu un vero dispiacere.
Ma il ragazzo rimediò all’errore. Ne fece un altro e un altro ancora e pian piano s’impratichì.
Agostino regge un filo tra le mani. Il vento dispettoso tenta di trascinarlo via,
ma le braccia del ragazzo sono forti e non intende cedere.
“Vuoi che ti aiuti?”, chiede il padre.
“No. Ce la faccio da solo”, risponde il giovane.
L’aquilone che Agostino ha fabbricato con le sue mani raffigura una maestosa aquila. È il suo vanto, la sua passione, la sua forza.
Purtroppo il ragazzo è intrappolato in carrozzina. Le fragili gambe a un certo punto non lo hanno più retto. Voleva morire. Gli amici pian piano erano spariti, lo avevano abbandonato a se stesso.
Agostino era un ragazzo attivo, ma questa battaglia gli pareva impossibile.
Spronato dal padre, si iscrisse in palestra. Conobbe un istruttore di body building, Filippo, che prese a cuore la causa del ragazzo. Lo stimolò, proponendogli esercizi sempre più impegnativi.
Agostino non temeva la fatica. Di fronte ai primi progressi, continuò imperterrito la terapia. Allenò le braccia ogni giorno, sollevò pesi. Seguì alla lettera gli insegnamenti di Filippo, diventato suo personal trainer.
Oggi è il grande giorno, c’è l’esibizione: Vulandra, a Ferrara, Parco Urbano. Nel cielo turchino volano aquiloni dalle forme e dai colori più disparati. È tripudio di gioia e libertà. Il sole si nasconde dietro una nuvola e il vento si alza impetuoso.
Il padre osserva ansioso il figlio, teme per lui ma rimane immobile.
Il ragazzo gli mostra i muscoli e stringe i denti.
Deve domare quel vento capriccioso, come il comandante di una nave doma il mare in tempesta. Ce la può fare. La speranza lo sostiene.
Non cede, non molla la presa. Ora ha preso il ritmo. Il suo magnifico aquilone ondeggia, piroetta, vira, vola giù in picchiata per poi risalire nel cielo turchino.
Gli spettatori applaudono ammirati.
Padre e figlio si guardano negli occhi e sorridono. La maestosa aquila vola fiera, guidata dalle abili mani di Agostino.

Father And Son (Cat Stevens, 1970)

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Elimination dancing
PER CERTI VERSI
La mia fatica
Io non esisto
PER CERTI VERSI
La morfina

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi