24 Febbraio 2017

IMMAGINI DAL MONDO
World Press photo: ecco i vincitori
 

Diego Gustavo Remaggi

Tempo di lettura: 8 minuti

 

1*-s8DTdh6K-rj8qX1dFfdww
Il vincitore del premio World Press Photo Burhan Ozbilici

Anche quest’anno la World Press Photo ha tre vincitori. Si tratta del più importante concorso di fotogiornalismo al mondo, nato nell’ormai lontano 1955.
A vincere è stato il fotografo turco Burhan Ozbilici dell’agenzia Associated Press, con uno scatto dal titolo che non lascia alcuno spazio all’immaginazione: ‘Un assassinio in Turchia’, di cui si è parlato molto nelle fasi immediatamente successive ai fatti che hanno coinvolto ovviamente la diplomazia turca e quella russa. La foto, che ha fatto vincere ad Ozbilici anche il primo premio nella categoria spot news-storie, riprende la figura intera dell’attentatore Mevlüt Mart Altintaš, nei momenti immediatamente successivi all’uccisione dell’ambasciatore russo Andrey Karlov, un’episodio che ha avuto luogo presso una mostra d’arte nella capitale Ankara il 19 dicembre scorso  ed è stato ripreso anche da altri reporter.

Mary F. Calvert, che fa parte della giuria, ha detto che la foto vincitrice rappresenta al meglio il significato e la definizione del World Press Photo: “È stata una decisione molto molto difficile, ma alla fine abbiamo ritenuto che la foto dell’anno fosse un’immagine esplosiva che parlasse davvero dell’odio dei nostri tempi. Ogni volta che arrivava sullo schermo dovevi quasi spostarti indietro, tanto è forte quell’immagine”.

Burhan Ozbilici, il vincitore, ha 59 anni, è nato a Erzurum, in Turchia, e prima di entrare a far parte di Associated Press (AP), nel 1989, aveva lavorato per diversi giornali turchi, tra cui un quotidiano in lingua inglese (‘Turkish Daily News’). Per Ap ha seguito tutte le storie che riguardano la Turchia, compreso il tentato colpo di stato dell’estate 2016, ma anche la crisi in Siria, e ha avuto diversi incarichi in paesi come l’Arabia Saudita, il Qatar, l’Egitto e la Libia, tra gli altri. Ha raccontato anche la crisi del Golfo in Arabia Saudita nel 1990, la prima guerra del Golfo al confine turco-iracheno, l’esodo dei curdi in Turchia e il loro ritorno in Iraq dopo la guerra nel 1991, tra le altre cose.

Scorrendo i vari premi assegnati nelle diverse sezioni del Wpp (la giuria ha esaminato, un lavoro estenuante, fra ben 80.408 fotografie di 5034 fotografi provenienti da 125 diversi Paesi), fra i tanti nomi spunta quello di un fotografo friulano di Qualso di Reana del Rojale: Francesco Comello.
Comello si è infatti aggiudicato il terzo premio Daily Life-Storie con la fotografia intitolata ‘L’Isola della salvezza’. La serie di cui fa parte l’immagine vincitrice racconta la vita di una comunità isolata chiamata Isola della Salvezza, che si trova vicino a una strada trafficata che porta da Mosca a Yaroslavl’, in Russia. Fondata nei primi anni Novanta da un prete ortodosso, è un centro spirituale, educativo e culturale che ospita attualmente 300 ragazzi e ragazze, molti dei quali visti come emarginati sociali.

Comello, nato a Udine nel 1963, subito dopo aver conseguito il diploma all’Istituto d’arte Sello, ha iniziato a lavorare nel campo della grafica pubblicitaria e dell’illustrazione. Appassionato di fotografia fin da giovane, ha iniziato a dedicarle più tempo solo recentemente, intensificando i suoi viaggi in luoghi remoti o lontani con il principale intento di produrre racconti fotografici. Uno dei suoi ultimi reportage è stato realizzato a Cuba, dopo la morte di Fidel Castro. Predilige il bianco e nero e dedica molto tempo ai suoi progetti. Al suo attivo ha già diverse esposizioni e premiazioni. Fra questi, i primi premi vinti al Fiav Fvg e al 12° Trieste PhotoFestival di Trieste, entrambi nel 2013, e quello ottenuto nel 2011 a Rovereto Immagini.

Tutte le fotografie vincitrici del World Press Photo 2017 saranno in mostra a Roma, al Palazzo delle Esposizioni, dal 28 aprile al 28 maggio 2017.

La giuria internazionale del premio cambia a ogni edizione: viene nominata dal direttore del Wpp Lars Boering ed è composta da sette membri che votano a scrutinio segreto finché un’immagine non ottiene sei preferenze, aggiudicandosi il premio. Il capo della giuria dell’anno scorso, Francis Kohn, aveva spiegato che per favorire la concentrazione gli organizzatori mantengono bassa, attorno ai dieci gradi, la temperatura nella sala proiezioni in cui vengono mostrate le fotografie: i giurati scelgono quindi le foto da premiare avvolti nelle coperte e in una sala che è tenuta quasi sempre nella semioscurità, per far vedere meglio le immagini.
Il vincitore per la foto dell’anno riceve un premio di 10 mila euro, mentre i primi classificati in ogni categoria ne ricevono 1.500. La cerimonia di premiazione si terrà ad Amsterdam ad aprile.

Ecco i primi premi:

Burhan Ozbilici- An Assassination in Turkey
Burhan Ozbilici- An Assassination in Turkey

World Press Photo of the Year
Il grido di Mevlüt Mert Altıntaş dopo aver sparato ad Andrey Karlov, ambasciatore russo, in una galleria d’arte ad Ankara, capitale della Turchia. Altıntaş era un ex poliziotto, prima di uccidere Karlov ferì altre persone che erano presenti alla stessa mostra. Il fatto avvenne il 19 dicembre 2016.

1*m4ihsqeBCuA5l38sH4D9Mg

Jonathan Bachman ,  Taking a Stand in Baton Rouge
Contemporary Issues, 1° premio
L’attivista Leshia Evans durante una protesta contro la violenza della polizia a Baton Rouge, Louisiana, il 9 luglio 2016. Evans, 28 anni, infermiera, stava protestando contro l’uccisione di Alton Sterling, un 37enne nero ucciso il 5 luglio da due agenti di polizia

1*A4eFXnTwsu4HEu0rtBvyAw

Paula Bronstein , The Silent Victims of a Forgotten War
Daily Life, 1° premio
L’Afghanistan ha subito un conflitto armato del 1979, quando è stato invaso dall’Unione Sovietica, ma i civili sono in pericolo di vita più oggi che in qualsiasi altro momento dai tempi del regime talebano, che si è concluso nel 2001. Secondo le statistiche delle Nazioni Unite, nella prima metà del 2016 almeno 1.600 persone sono morte e più di 3.500 persone sono rimaste ferite. Nonostante i miliardi di dollari spesi dalla comunità internazionale per stabilizzare il paese, l’Afghanistan ha visto solo un piccolo miglioramento in termini di stabilità e sicurezza.

1*-y5JR2hqoj1Lypc0TyHaPw

Laurent Van der Stockt, Offensive on Mosul
General News, 1° premio
Una bambina mentre le forze speciali irachene entrano casa per casa a Gogjali, un quartiere orientale di Mosul, alla ricerca di membri o attrezzature dello Stato Islamico, il 2 novembre 2016. La Golden Division è l’unità delle forze speciali irachene che guida la lotta contro lo Stato Islamico, affiancata dai raid aerei delle forze di coalizione. Sono stati i primi a entrare nella città controllata dall’ISIS.

1*7oZ4soJ1b04fmGJ5N3IJNg

Magnus Wennman , What Isis Left Behind
Persone, 1° premio
Una bambina di 5 anni che una settimana prima era scappata con la sua famiglia da Hawija, fuori Mosul, in Iraq. La madre ha raccontato che se n’erano andati per la paura e la mancanza di cibo. Qui Maha è sdraiata su un materasso sporco nel centro profughi di Debaga. “Non faccio più sogni e non ho più paura di niente”, dice Maha con calma, mentre la mano di sua madre le accarezza i capelli.
Trovate tutte le foto premiate a questi indirizzi: qual è quella più significativa per voi?

Fonti: www.ilpost.itwww.worldpress.org, www.ansa.it



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • Diario di un agosto popolare
    8. STELLE CADENTI

  • Il ritorno dell’inflazione e dei tassi d’interesse.
    Il sistema si autoassolve a spese dei cittadini

  • Walden – Andare per boschi

  • Vecchi, ricchi, “condizionati” … e una gran paura della morte:
    cronaca di un dialogo impossibile

  • La tirannia del tempo
    …un racconto

  • SENZA UN’IDEOLOGIA IL PD HA PERSO LA SUA IDENTITÀ.
    Corre verso il Centro e non convince gli italiani.

  • LO STESSO GIORNO
    Quando i poveri eravamo noi: non dimenticare Marcinelle

  • Diario di un agosto popolare
    7. LA BOLLA SVEDESE

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • VERTENZA EX GKN:
    tavolo istituzionale a un’impasse

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi