COMUNICATI STAMPA
Home > Al cantóη fraréś > Al cantón fraréś
Bruno Zannoni: “Al sat chi è mort?”

Al cantón fraréś
Bruno Zannoni: “Al sat chi è mort?”

Tempo di lettura: 4 minuti

 

Con ironia e senso dell’umorismo l’autore esprime un disagio nello sfogliare le pagine del giornale e, evitando i necrologi, si consola considerando che, per ora, non lo riguardano. Ma non basta: c’è sempre chi informa, con particolari disturbanti, che amici o conoscenti o vicini sono passati a miglior vita. Ci sono poi gli annunci funebri appena fuori casa. Meglio quindi trovare un luogo tranquillo dove passeggiare in pace…
(Ciarìn)

Al sat chi è mort?

Da la paùra ach gh’ò d’sàntiram mal
an sfój più gnaηch ill pàgin dal giurnàl;
quéla di necrològi, specialmént,
aη la voi védar, mó pròpi par gnént;
e se par caś am scàpa un òć su quéla,
póvr’al mié stómagh, ahi, cóm al bruntèla
int al nutàr la foto d’uη ch’a cgnós.
Am s’alza la presión, a dvént tut rós
s’a véd la fàza d’uη mié vèć amìgh
e par cuηsulazión, alóra, am digh:
“Mo l’éra purasà più vèć ch’né mi”
(aηch s’an è briśa véra, am digh acsì!)
e a guàrd col fià suspéś, quaśi in afàn,
quant jéra (sperànd tanti!) chi sò ann.

Mo aηch se la nutìzia am tiéη lugàda
a gh’è sémpar qualcdùη che iη źir par stràda
l’am férma pr’iηfurmàram cun traspòrt:
Al sat di nostr’amìgh, ajér, chi è mort?”
e vié ch’al m’cónta (e t’an al pó farmàr!)
dla so agunìa i particulàr;
mo mìna al s’férma chi, aηzi al va avanti
int al far l’eléηch (mo mama, quanti!)
ad tuti quéi che int j’ùltim témp j’è andà
(séηza che mi al savés) a fnir là d’là.

E se mi a scaηs st’al tip, stà pur sicùr
che apéna fóra ‘d ca’, tacà sul mur
a tróv al manifèst listà dal lut
dl’avśìη ch’l’è mort stanòt: e tant salùt!
A jò capì: par star un póch iη paś
a dév andàr indóv che tuti i taś,
indóv aη gh’è giurnàj, né tant pasànt:
a jò d’andàr a spas int al Campsànt!


Lo sai chi è morto? (traduzione dell’autore)

Per la paura che ho di sentirmi male / non sfoglio più nemmeno le pagine del giornale; / quella dei necrologi, specialmente / non la voglio vedere, ma proprio per niente; / e se per caso mi sfugge un occhio su quella, / povero il mio stomaco come brontola / nel vedere la fotografia di uno che conosco. / Mi si alza la pressione, divento tutto rosso / se vedo la faccia di un mio vecchio amico / e per consolazione, allora, mi dico: / “Ma era molto più vecchio di me” / (anche se non è vero, mi dico così!) / e guardo col fiato sospeso, quasi in affanno, / quanti erano (sperando tanti!) quei suoi anni. /

Ma anche se la notizia me la tengo nascosta / c’è sempre qualcuno che in giro per strada / mi ferma per informarmi con trasporto: / “Lo sai dei nostri amici, ieri, chi è morto?” / e via che mi racconta (e non lo puoi fermare!) / i particolari della sua agonia; / ma mica si ferma qui, anzi va avanti / nel far l’elenco (ma mamma, quanti!) / di tutti quelli che negli ultimi tempi sono andati / (senza che io lo sapessi) a finire di là. /

E se io scanso questo tizio, sta pur sicuro / che appena fuori di casa, affisso al muro / trovo il manifesto listato a lutto / del vicino che è morto ‘sta notte: e tanti saluti! / Ho capito: per stare un poco in pace / devo andare dove tutti tacciono, / dove non ci sono giornali, né tanti passanti: / devo andare a spasso nel cimitero!

 

 

Tratto da: Antologia del XXIX Premio di poesia dialettale “Poetar Padano”, Carpi, Associazione Culturale Il Portico, 2018.


Bruno Zannoni
(Bagnacavallo 1940)
Nato in Romagna, vive da decenni a Ferrara. Scrive in dialetto romagnolo e ferrarese, con premi e riconoscimenti nei concorsi nazionali. Altre informazioni nel Cantón del 1 maggio 2020 [Qui]

 

Al cantóη fraréś: testi di ieri e di oggi in dialetto ferrarese, la rubrica curata da Ciarin per Ferraraitalia,
esce ogni 15 giorni al venerdì mattina. Per leggere le puntate precedenti clicca [Qui]

Cover: Mattina al camposanto, foto di M. Chiarini.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Al cantón fraréś
Luigi Vincenzi: “La ciupéta fraréśa”.
napoli-sanita-pino-daniele
Perché sparare sulle luminarie non costruisce una città migliore.
face luna park
L’oscuro buio delle luminarie
“Banadét al mié putìn”.
Se la scuola prepara sudditi invece di formare cittadini.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi