Home > IL QUOTIDIANO > Parole a capo
Roberta Lipparini: “L’amore forse è un semino” e altre poesie

Parole a capo
Roberta Lipparini: “L’amore forse è un semino” e altre poesie

Tempo di lettura: 4 minuti

“L’infanzia non ha tempo. Man mano che gli anni passano bisogna conservarla e conquistarla, nonostante l’età.”
(Emmanuel Mounier)

Ritrarsi

Un passo indietro
Mezzo passo
Come la marea
Un’esitazione
Pausa del cuore
Forse per nuovo slancio
Corsa o volo preciso
in un punto d’azzurro
O solo un momento di quiete
Lontano dall’argine
Dalla sponda
Dal frastuono della corrente
Un rintanarsi
Una sottrazione al fragore
Ridefinire il paesaggio
Il contorno del tempo
Aspettarsi

 

In seduta

In seduta, oggi,
mi è uscito dalla bocca
Otto anni che lo portavo in gola
Quasi mi ha soffocato
Sei lettere piantate lì
nella trachea
che pregavano di uscire
Un parto disperato
E finalmente il tuo nome
è ruzzolato a terra
tra il portaombrelli
e le scarpe nuove del dottore

 

L’amore forse è un semino

L’amore forse è un semino
Una briciola
Un pelo nell’uovo
Talmente minuscolo
che non lo trovo

Una goccia, un granello
Il riflesso di un momento
Forse non l’ho visto
Forse non lo sento

Magari l’ho pestato per errore
Sbadata come sono
Forse ho ucciso il mio amore

E ora sta lì
morto sotto la mia suola
Mentre io mi stupisco
Che son rimasta sola

 

La pazienza buona del tempo

Le cattedrali. Le poesie
Tutto è racchiuso
nella lentezza del gesto
Così recito un mantra
mentre impasto il pane
e il mio corpo di vetro
riflette la luce
di questo bene semplice
Tra le mani do forma
alla domanda di senso
Una croce, una carezza d’olio
La pazienza buona del tempo

 

Lo incontrerò

Lo incontrerò
Avrà la barba bianca
Lo sguardo paziente di un pescatore
Sarà così il mio amore
Avrà il sorriso di un bambino
La malinconia di una lunga attesa
Un’albicocca in mano
per farmi una sorpresa
Guarderemo insieme il volo dei gabbiani
Morderemo ridendo un pomodoro
Dormiremo in lenzuola di fiume
Mi chiamerà “Bimba”, mi dirà “Tesoro”
Canterà canzoni per farmi addormentare
Mi coprirà d’uva, di spighe, di sole
Mi farà il gelato con la neve
Mi laverà a una fonte di parole
Conterà le stelle per farmi contenta
Mi vestirà di ciliegie e di more
E moriremo insieme
perché così è l’amore

 

C’è pace in casa stasera

C’è pace in casa stasera
Nessuno grida
Non devo fingere di dormire
Giusto un filo di solitudine
che non muove nemmeno l’aria

 

Roberta Lipparini (Bologna,1964). Scrive da quando era adolescente, solo poesie, molte delle quali indirizzate ai bambini. Ha pubblicato diverse raccolte di poesie per bambini:
“C’è un posto accanto a me. Poesie per una scuola senza barriere”, Mondadori – collana “Sassolini Oro”, 2013. Prefazione di Bruno Tognolini. Illustrazioni Arianna Operamolla; “Io Credo come te. Poesie per una scuola senza pregiudizi”, Mondadori – collana “Sassolini Oro”, 2014. Prefazione di Janna Carioli, Illustrazioni Arianna Operamolla; “Filastrocche in punta di piedi”,  Secop Edizioni, 2014. Illustrazioni di Antonio Catalano; “Ti ricordi di me?”, Secop Edizioni, 2021. Albo illustrato da Bianca Solazzo; “Sei storie per la scuola”, Gribaudo, 2021. Illustrazioni di Mirella Mariani.
Raccolte di poesia per adulti: “Io ce l’ho un amore”, Zona Editore, 2014; “Fiori Finti”, edizione Terra d’Ulivi, 2014; “Scritture d’amore”, Secop Edizioni, 2015; “Per mare, mio amore”, Secop Edizioni, 2016.

Sulla sua pagina Facebook si presenta così: “Non sono cresciuta leggendo Emily Dickinson ma ascoltando Guccini. In casa mia non c’erano libri (forse qualche sparuto volume della selezione del Reader’s Digest, a testimonianza del desiderio irrealizzato di mio padre di poter studiare) e anche il pane scarseggiava. Mia madre donna di servizio, mio padre operaio metalmeccanico. Anche oggi fatico ad arrivare a fine mese ed i libri li posso prendere solo in biblioteca. Altrimenti li guardo con desiderio dalle vetrine. Mai avuto un’auto e i vestiti, sempre di seconda mano. Per questo la mia poesia “si capisce”. Altro io non saprei, né vorrei francamente. Dedico la mia scrittura ai semplici, ai fragili, a quelli che, come me, zoppicano su un’ala sola”.

La rubrica di poesia Parole a capo curata da Gian Paolo Benini e Pier Luigi Guerrini esce regolarmente ogni giovedì mattina su Ferraraitalia. Per leggere i numeri precedenti clicca [Qui]

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi